Verso Sankara II

Alla scoperta della mia Africa

24 Marzo - 9 Aprile 2020
martedì 24 Marzo h 20:30
mercoledì 25 Marzo h 21:30
giovedì 26 Marzo h 21:00
venerdì 27 Marzo h 20:30
sabato 28 Marzo h 21:00
domenica 29 Marzo h 16:45
martedì 31 Marzo h 20:30
mercoledì 1 Aprile h 21:30
giovedì 2 Aprile h 21:00
venerdì 3 Aprile h 20:30
sabato 4 Aprile h 21:00
domenica 5 Aprile h 16:45
martedì 7 Aprile h 20:30
mercoledì 8 Aprile h 21:30
giovedì 9 Aprile h 21:00

Sala Treno Blu
Attenzione: il percorso che conduce
alla sala
non prevede rampe o ascensori
per l’accesso delle persone disabili.

2 ore e 10 minuti, compreso intervallo

Intero 25€; under26/over65 15€; convenzioni 18€

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento LiberoPassepartoutAbbonamento ClassicoCard ACard B

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

con Alberto Malanchino
regia e drammaturgia Maurizio Schmidt
aiuto regista Maria Vittoria Bellingeri

produzione Farneto Teatro
con Tamat Ong all’interno della 1a edizione di UmbriaMiCo Festival del Mondo in Comune
co-finanziato da Agenzia Italiana per la cooperazione allo sviluppo (AICS)

Thomas Sankara è stato il “Che Guevara” africano, una delle figure politiche mondiali più carismatiche del ‘900, ucciso a soli 38 anni dal suo compagno di rivoluzione Blaise Compaore, che successivamente ha governato il paese nella corruzione per 27 anni fino ad essere cacciato da una insurrezione nel 2014.
In soli tre anni il “Presidente ribelle” è riuscito a cambiare il Burkina Faso, ha sancito diritti paritari per le donne e promosso vaccinazione popolare, educazione contro l’infibulazione e l’Aids, la lotta alla desertificazione e all’analfabetismo. Sankara è stato la figura di riferimento del panafricanismo, del rifiuto della dipendenza neocoloniale attraverso gli aiuti umanitari e della “terza via africana”; e per questo ha probabilmente pagato la sua utopia, in epoca di guerra fredda.
Riteneva che un uomo politico debba avere come bussola la felicità del proprio popolo. Della sua eliminazione si sa tutto: esecutori e mandanti. Anche se tuttora la verità è coperta da silenzi e omertà. Questa pièce è il racconto del viaggio che il giovane attore italoburkinabè, Alberto Malanchino, diretto da Maurizio Schmidt, ha condotto alla ricerca delle proprie radici, per riscoprire in sè quella parte di Africa che ha le fattezze del presidente “Tomà”.

Torna per il secondo anno al Teatro Franco Parenti del tutto rinnovata e arricchita da una nuova esperienza dell'attore italoburkinabè nel Burkina Faso di oggi, dilaniato dal terrorismo.

Lo sguardo affascinato da un sapere politico perduto incontra ora il terribile paesaggio delle conseguenze dell’averlo estirpato. Continua il viaggio all’incontrario di Alberto verso Sankara: dentro la storia del Burkina Faso e della sua indipendenza negata.

  • 1 di 2.
  • 2 di 2.

Tomba di Thomas Sankara, Burkina Faso

Ringraziamenti per la raccolta di testimonianze in Burkina Faso (in ordine di tempo):

Florentin Toucuma – giornalista (Ouagadougou), Simon Nacoulma – Association Changer la Vie Nazemse (Ouagadougou), Rahmata Koanda (Ouagadougou), Luca Fusi – Centre Gambidi (Ouagadougou), Martin Zongo – Carrefour International du Teatre de Ouagadougou, Denisa Raluca Savulescu – Tamat, Piero Sunzini – Tamat, Stephane Balouri – maestro di danza Warba (Ouagadougou), Stanislas Benewende Sankara – Vice Presidente dell’Assemblea Nazionale (Ouagadougou), Moussa Sanou – attore e drammaturgo (Bobo Diuliasso), Theophile Arcadius Dawouroye Sanou – Union Nationale des Dozos (Bobo Diulasso), Domba Tiekor Sanou, – organizzatore musicale (Bobo Diulasso), Assane e Ousséni Ouattara – artisti scultori di maschere (Bobo Diulasso), Rasmane Zinaba – Balay Citoyen (Ouagadougou), Odile Sankara – attrice (Ouagadougou), Serge Bayala – Memorial Thomas Sankara (Ouagadougou), M.me Germaine Pitroipa – ex Commissaria Rivoluzione Burkinabe (Ouagadougou), Mousbila Sankara – ex Ambasciatore governo Sankara in Libia, Blandine Sankara – agronoma (Ouagadougou), Fidéle Toè – ex Ministro del Lavoro governo Sankara (Ouagadougou), Ernest Noungma Ouédraogo – ex Ministro dell’Amministrazione Territoriale e della Sicurezza governo Sankara (Tema-Bokin), Boukari Kaboré – ex Capitano comandante del Battaglione Paracadutisti della Rivoluzione (Koudougou)

 

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

24 Marzo - 9 Aprile 2020

acquista biglietti
martedì 24 Marzo h 20:30
mercoledì 25 Marzo h 21:30
giovedì 26 Marzo h 21:00
venerdì 27 Marzo h 20:30
sabato 28 Marzo h 21:00
domenica 29 Marzo h 16:45
martedì 31 Marzo h 20:30
mercoledì 1 Aprile h 21:30
giovedì 2 Aprile h 21:00
venerdì 3 Aprile h 20:30
sabato 4 Aprile h 21:00
domenica 5 Aprile h 16:45
martedì 7 Aprile h 20:30
mercoledì 8 Aprile h 21:30
giovedì 9 Aprile h 21:00

Sala Treno Blu
Attenzione: il percorso che conduce
alla sala
non prevede rampe o ascensori
per l’accesso delle persone disabili.

2 ore e 10 minuti, compreso intervallo

Intero 25€; under26/over65 15€; convenzioni 18€

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento LiberoPassepartoutAbbonamento ClassicoCard ACard B

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Indietro

Verso Sankara II

24 Marzo - 9 Aprile 2020
Ti potrebbe interessare

Nel mare ci sono i coccodrilli

Storia vera di Enaiatollah Akbari
22 Gennaio - 2 Febbraio 2020

Uno dei libri italiani più commoventi degli ultimi anni, il best seller di Fabio Geda, tradotto in 31 paesi, approda a teatro con la toccante interpretazione di Paolo Briguglia.

La purezza e il compromesso

Omaggio a Luchino Visconti e Giovanni Testori
4 - 9 Febbraio 2020

Nello spettacolo di Paolo Trotti, l’universo di Testori incontra l’immaginario cinematografico di Luchino Visconti e diventa materiale di partenza per raccontare una storia nuova, ma soprattutto per parlare di Milano oggi.

Per strada

13 Febbraio - 1 Marzo 2020

Un affresco divertente ma anche tragico dei trentenni di oggi. Di Francesco Brandi, regia Raphael Tobia Vogel, con Francesco Sferrazza Papa.

R.A.M.

maggio 2020

Si può cancellare la memoria, estirparla come si fa con un arto malato? Edoardo Erba, drammaturgo tra i più noti ed affermati in Italia e il giovane regista Michele Mangini, nel tentativo di rispondere a questa domanda, ci trasportano in un futuro distopico.