Teatro Tutti non ci sono
21 maggio 2018 acquista biglietti

Tutti non ci sono

La legge 180

21 maggio 2018
lunedì 21 maggio h 20:30

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Tre

intero > 15€ + prev.

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

di e con Dario D’Ambrosi

Un uomo esce da un ospedale psichiatrico, ha una gabbietta vuota in mano e comincia a vagare per la metropoli. A 40 anni dalla legge Basaglia, Dario D’Ambrosi porta in scena il labile confine tra pazzia e normalità.

Tutti non ci sono inizia con la proiezione di un filmato girato a New York dall’italoamericano Gerald Saldo: nella Grande Mela, un paziente psichiatrico esce da un ospedale con una gabbietta vuota in mano, e vaga senza meta per la metropoli.
L’uomo indossa un camice, un pigiama ed un paio di pantofole; ha il volto bianco e smagrito. È il 1978 e, in ossequio alla legge 180 di Franco Basaglia, chiudono i manicomi. I pazienti vengono dimessi dagli ospedali psichiatrici, catapultati nella città senza alcun criterio, senza considerare che molto spesso il matto viene considerato dalla società come qualcosa di ingombrante e scomodo, di cui nessuno si vuole assumere la responsabilità.
Nel filmato il paziente si trova solo, nel caos cittadino, l’unico oggetto che ha con sé è una gabbia vuota.
Dopo lungo peregrinare il malato arriva di fronte la porta di un teatro; si passa così dal filmato all’azione scenica.
Entra di spalle agli spettatori e si incammina verso la scena. L’esterno, la società, diventa il pubblico, lo spettatore è costretto suo malgrado a confrontarsi con la diversità, con un uomo che si fa fatica a considerare un attore che recita. Egli è a stretto contatto con il pubblico e lo invita a fare azioni stravaganti, pronunciare parole di cui ci si vergogna. Procedendo a braccio, D’Ambrosi costringe gli spettatori ad accarezzarlo e a stringerlo, ricreando quella ritrosia che è tipica di chi si trova di fronte a un vero malato di mente. Sulla bocca dello spettatore si disegna quel lieve sorriso di imbarazzo che caratterizza l’atteggiamento che si ha per i matti. D’Ambrosi sembra allora davvero un povero malato e lo spettacolo riesce nel suo intento di dimostrare quanto sia labile il confine tra pazzia e normalità, interrogandosi sul concetto stesso di pazzia al di là dei comuni preconcetti.

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

21 maggio 2018

acquista biglietti
lunedì 21 maggio h 20:30

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Tre

intero > 15€ + prev.

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Ti potrebbe interessare

Una notte ai Bagni Misteriosi

Aspettando il concerto dell’alba
18 maggio 2018

Incontri e racconti sul ‘68 e una notte in tenda/sacco a pelo nei meravigliosi spazi dei Bagni Misteriosi in attesa dell’alba e del silent concert di Andrea Vizzini per Piano City Milano.

The Migrant Nation / Musiche e narrazioni migranti

AGON Action Lab IV
27 maggio 2018

«L’arte non muore, si sposta». Hip Hop e Rap, Tango, Blues, Morna di Capo Verde, musica gitana, musiche migranti. Progetto di Michele Tadini e Diego Ronzio, con Pietro Pirelli e Guido Barbieri.

Mediterranean Ambassadors
feat Sandeep Das

Incontri musicali sulla via della seta
5 maggio 2018

Torna Irina Solinas e la musica degli ambasciatori lungo la Via della Seta. Questa volta sarà Sandeep Das e la sua incredibile India a prendere voce. Il workshop è aperto a musicisti e uditori.

Italian Box Office

1968 – 1978
26 - 28 maggio 2018

Quali sono i film che tra il 1968 e il 1978 hanno segnato l’immaginario italiano? Da Il laureato a La montagna sacra di Jodorowsky, una rassegna dei film che hanno totalizzato pubblico e incassi importanti in quel periodo.