Teatro Tartufo
20 - 29 Marzo 2020 acquista biglietti
20 - 29 Marzo 2020
© Marco Caselli Nirmal
venerdì 20 Marzo h 20:00
sabato 21 Marzo h 20:30
domenica 22 Marzo h 16:15
martedì 24 Marzo h 20:00
mercoledì 25 Marzo h 19:45
giovedì 26 Marzo h 21:00
venerdì 27 Marzo h 20:00
sabato 28 Marzo h 20:30
domenica 29 Marzo h 16:15

Sala Grande
1 ora e 45 minuti

I settore > intero 38€
II e III settore > intero 30€; under26/over65 18€; convenzioni 21€
IV settore > intero 21€; under26 13€; over65 15€; convenzioni 21€

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento LiberoPassepartoutAbbonamento ClassicoCard ACard B

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di Molière
adattamento e regia Roberto Valerio
con (o.a.) Giuseppe Cederna, Vanessa Gravina, Roberto Valerio
e con Paola De Crescenzo, Massimo Grigò, Elisabetta Piccolomini, Roberta Rosignoli, Luca Tanganelli
scene Giorgio Gori
costumi Lucia Mariani
luci Emiliano Pona
suono Alessandro Saviozzi

produzione Associazione Teatrale Pistoiese Centro di Produzione Teatrale
con il sostegno di Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Regione Toscana

Tratto dal celebre capolavoro di Molière, Tartufo è uno spettacolo ironico e divertente capace di unire la satira corrosiva alla profonda riflessione sull’animo umano e sui valori sociali.

Giuseppe Cederna è un Tartufo livido, mellifluo, nerastro, tonico e sovversivo, oltre che sensuale.
Robinson - la Repubblica

Spedito e alleggerito nei classici 90 minuti della sofisticata comedy di matrice hollywoodiana, quello di Roberto Valerio è un adattamento audace e contemporaneo che sottolinea la crisi della nostra società moderna dilaniata tra materialismo senza senso e spiritualità fanatica.

Tartufo non è più un semplice impostore, un arrivista che veste i panni del virtuoso, ma un profeta anticonformista, un guru fanatico che denunzia, maledice e combatte contro un mondo di materialismo, consumismo, lassismo, dissolutezza, permissività e amoralità. Un angelo oscuro o demone pietoso che irrompe in una famiglia borghese benestante, la sconvolge completamente, prende il controllo, la castiga, la rivoluziona, la assorbe.

Carta vincente è Giuseppe Cederna, un Tartufo livido, mellifluo, nerastro, tonico e sovversivo, oltre che sensuale.
Rodolfo Di Giammarco – la Repubblica, Robinson
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

20 - 29 Marzo 2020

acquista biglietti
venerdì 20 Marzo h 20:00
sabato 21 Marzo h 20:30
domenica 22 Marzo h 16:15
martedì 24 Marzo h 20:00
mercoledì 25 Marzo h 19:45
giovedì 26 Marzo h 21:00
venerdì 27 Marzo h 20:00
sabato 28 Marzo h 20:30
domenica 29 Marzo h 16:15

Sala Grande
1 ora e 45 minuti

I settore > intero 38€
II e III settore > intero 30€; under26/over65 18€; convenzioni 21€
IV settore > intero 21€; under26 13€; over65 15€; convenzioni 21€

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento LiberoPassepartoutAbbonamento ClassicoCard ACard B

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Indietro

Tartufo

20 - 29 Marzo 2020
Ti potrebbe interessare

Il gatto

19 Novembre - 1 Dicembre 2019

Dall’irriverente romanzo di George Simenon, una storia di ordinaria disperazione di coppia. Alvia Reale e Elia Schilton sono gli straordinari interpreti di Émile e Marguerite, coniugi che da quattro anni non si parlano.

Shakespea Re di Napoli

7 - 19 Gennaio 2020

Un gioco intenso tra realtà e apparenza in cui la cultura napoletana si fonde con la poetica shakespeariana in una lingua musicale, fisica, artistica. Di Ruggero Cappuccio.

Ne Veryu – Non ci credo
K. S. Stanislavskij

28 Gennaio - 2 Febbraio 2020

Egidia Bruno condensa la poetica di Stanislavskij in un omaggio al suo leggendario metodo e alla sua radicale rivoluzione teatrale. Tra biografia e ritratto d’artista, ricostruzione filologica e molta ironia.

I Promessi sposi alla prova

11 - 23 Febbraio 2020

È una sfida vinta, quella di Andrée Shammah, di far rivivere lo spettacolo originario del 1984: “Per quanto lontano dai noi e dallo spirito del nostro tempo, un classico è tale perché capace di risvegliare dubbi ed emozioni proprie a tutti gli esseri umani.”