21 Gennaio - 2 Febbraio 2020
martedì 21 Gennaio h 20:00
mercoledì 22 Gennaio h 19:45
giovedì 23 Gennaio h 21:00
venerdì 24 Gennaio h 20:00
sabato 25 Gennaio h 20:30
domenica 26 Gennaio h 16:15
martedì 28 Gennaio h 20:00
mercoledì 29 Gennaio h 19:45
giovedì 30 Gennaio h 21:00
venerdì 31 Gennaio h 20:00
sabato 1 Febbraio h 20:30
domenica 2 Febbraio h 16:15

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Grande

1 ora e 15 minuti

I settore > intero 38€
II, III e IV settore > intero 30€; under26/over65 18€; convenzioni 21€ (valide dal 21 al 24 gennaio)

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento LiberoPassepartoutAbbonamento ClassicoCard ACard B

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

20 Novembre - 21 Novembre
Teatro Sociale - COMO
22 Novembre - 24 Novembre
Teatro Comunale - CARPI
26 Novembre - 1 Dicembre
Teatro Bellini - NAPOLI
3 Dicembre
Teatro Duse - BOLOGNA
5 Dicembre - 6 Dicembre
Teatro della Regina - CATTOLICA
7 Dicembre - 8 Dicembre
Teatro Ariosto - REGGIO EMILIA
10 Dicembre - 12 Dicembre
Teatro Toniolo - MESTRE
13 Dicembre
Teatro Astra - SCHIO
14 Dicembre
Teatro Camploy - VERONA
18 Dicembre - 19 Dicembre
Teatro Comunale - CASALE MONFERRATO
20 Dicembre
Teatro Alfieri - ASTI
21 Dicembre
Teatro Astoria - LERICI
11 Gennaio - 12 Gennaio
Teatro Piccinni - BARI
14 Gennaio - 19 Gennaio
Teatro Niccolini - FIRENZE
21 Gennaio - 2 Febbraio
Teatro Franco Parenti - MILANO
4 Febbraio - 9 Febbraio
Fonderie Limone - TORINO
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

uno spettacolo di Filippo Timi
con Filippo Timi
e con Salvatore Langella
luci Gigi Saccomandi
costumi Fabio Zambernardi
si ringraziano Lawrence Steele e Francesco Risso
canzoni Filippo Timi e Salvatore Langella
assistente alla regia Daniele Menghini

produzione Teatro Franco Parenti
spettacolo nato nel 2014 in coproduzione con il Teatro Stabile dell’Umbria

Una favola amara, un testo spiazzante che mescola rabbia e dolore a una esilarante ironia. Sul palco un anticonvenzionale, istrionico e intimo Filippo Timi.

In una sarabanda di lampi immaginifici e sferzate emotive nell’impasto dolce di una favola pop l’attore racconta l’irrefrenabile ricerca di un’identità fuori dalla “handicappitudine”. Memorie e sogni di un ragazzo afflitto da disabilità: confinato dalla malattia e dai genitori tra le pareti della sua stanza.

Skianto è la bocca murata. È il racconto di un ragazzo disabile che ha il cancello sbarrato. Io spalanco quella bocca in un urlo di Munch. Gli esseri umani sono disabili alla vita. E siamo tutti un po’ storti se ci confrontiamo alla grandezza della Natura. Esiste una disabilità non conclamata che è l’isolamento, l’incapacità di fare uscire le voci. – Filippo Timi

“Skianto” ha rivelato al pubblico, assieme alle eccezionali virtù “trasformiste”, anche tutto il talento drammaturgico di Timi, abile a miscelare dolore e rabbia con momenti di autoironia e squarci di caustica comicità (…) “Skianto” è dunque un atto di ribellione contro l’assurdo conformismo con cui la società piega la fragile singolarità di ognuno di noi. Ma anche un invito a spezzare le barriere mentali e ad affermarla, costi quel che costi.
Michele Weiss - La Stampa
Timi qui invece è uno “Skianto”, performer a tutto tondo con quel suo modo poetico e vivace, verace e tagliente di raccontare, di portarti fino alle lacrime per poi, sul più bello, lasciarti lì sospeso ed immergerti in una bolla psichedelica e trash, rosa e svolazzante.(…) Il suo show sono delle montagne russe esistenziali, emozionali, sentimentali, ti porta in cima alla rupe e poi giù negli abissi ed è vero in entrambi i casi: ti scuote, ti muove, crea empatia, vicinanza, solidarietà con questo brutto anatroccolo nel suo percorso-passaggio doloroso prima di diventare cigno.
Tommaso Chimenti - Recensito.net
Ottanta minuti di puro corpo a corpo con la magia del teatro in cui tutti noi siamo quei corpi non conformi, storti dalla nascita, comunque uno skianto.
Monica Baroni - Vogue
  • 1 di 4. © Noemi Ardesi
  • 2 di 4. © Noemi Ardesi
  • 3 di 4. © Noemi Ardesi
  • 4 di 4. © Noemi Ardesi
Pigiamino di flanella, capelli a caschetto, dialetto umbro, malinconicamente buffo e puro, Filippo in arte Timi, attore funambolo del cuore: corpo, voce, tenacia, estro. […] Il suo teatro travalica i confini della stanza, la sua logorrea assume toni poetici, commoventi, ironici, svelando i punti di forza di questa performance dal battito strambo e struggente: il ritmo narrativo, l'eclettismo del talento attoriale, la scena mutante e visionaria e soprattutto l'instancabile forza di un attore che si inabissa anima e corpo visceralmente dentro l'esperienza teatrale. Rendendola unica, totale.
Il Sole 24 ore
Il suo teatro travalica i confini della stanza. [...] L’instancabile forza di un attore che si inabissa anima e corpo visceralmente dentro l’esperienza teatrale. Da vedere.
Il Sole 24 ore
Timi è un attore che sfida le convenzioni, vince le resistenze e convince. È carismatico, istrionico, generoso, autoironico, ambiguo, semplice e complesso. […] Nel racconto emerge il suo sentirsi nella doppia gabbia, del corpo e della stanza; si toccano la rabbia dell’impotenza che scoppia devastante, il desiderio d’amore e di sesso, la violenza della società. Ma è il sorriso e lo sguardo beffardo — stupito — sul mondo che domina lo Skianto di Timi.
Magda Poli – Corriere della Sera
Rassegna stampa
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

21 Gennaio - 2 Febbraio 2020

acquista biglietti
martedì 21 Gennaio h 20:00
mercoledì 22 Gennaio h 19:45
giovedì 23 Gennaio h 21:00
venerdì 24 Gennaio h 20:00
sabato 25 Gennaio h 20:30
domenica 26 Gennaio h 16:15
martedì 28 Gennaio h 20:00
mercoledì 29 Gennaio h 19:45
giovedì 30 Gennaio h 21:00
venerdì 31 Gennaio h 20:00
sabato 1 Febbraio h 20:30
domenica 2 Febbraio h 16:15

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Grande

1 ora e 15 minuti

I settore > intero 38€
II, III e IV settore > intero 30€; under26/over65 18€; convenzioni 21€ (valide dal 21 al 24 gennaio)

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento LiberoPassepartoutAbbonamento ClassicoCard ACard B

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

20 Novembre - 21 Novembre
Teatro Sociale - COMO
22 Novembre - 24 Novembre
Teatro Comunale - CARPI
26 Novembre - 1 Dicembre
Teatro Bellini - NAPOLI
3 Dicembre
Teatro Duse - BOLOGNA
5 Dicembre - 6 Dicembre
Teatro della Regina - CATTOLICA
7 Dicembre - 8 Dicembre
Teatro Ariosto - REGGIO EMILIA
10 Dicembre - 12 Dicembre
Teatro Toniolo - MESTRE
13 Dicembre
Teatro Astra - SCHIO
14 Dicembre
Teatro Camploy - VERONA
18 Dicembre - 19 Dicembre
Teatro Comunale - CASALE MONFERRATO
20 Dicembre
Teatro Alfieri - ASTI
21 Dicembre
Teatro Astoria - LERICI
11 Gennaio - 12 Gennaio
Teatro Piccinni - BARI
14 Gennaio - 19 Gennaio
Teatro Niccolini - FIRENZE
21 Gennaio - 2 Febbraio
Teatro Franco Parenti - MILANO
4 Febbraio - 9 Febbraio
Fonderie Limone - TORINO
Indietro

Skianto

21 Gennaio - 2 Febbraio 2020
Ti potrebbe interessare

Amor y tango

con Michele Placido
16 Luglio 2020

Michele Placido in un viaggio di parole e musica con leit-motiv l’Amore e le musiche ispirate ai grandi compositori di Tango. Con lui sul palco il grande maestro Davide Cavuti.

Don Giovanni

di e con Michela Murgia
30 Agosto 2020

Michela Murgia torna al teatro portando in scena una sua personale passione, il melodramma, portandoci in una seduta psicanalitica: la sua.