Teatro SÊMI
5 - 10 Maggio 2020 acquista biglietti

SÊMI

senza infamia e senza lode

5 - 10 Maggio 2020
© Filippo Manzini
martedì 5 Maggio h 20:30
mercoledì 6 Maggio h 19:15
giovedì 7 Maggio h 20:00
venerdì 8 Maggio h 20:30
sabato 9 Maggio h 21:00
domenica 10 Maggio h 15:45

Sala AcomeA

Intero 15€; under26 13€; over65 15€

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento LiberoPassepartoutAbbonamento ClassicoCard ACard B

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

con Sara Allevi, Giulio Canestrelli, Anna De Franceschi, Michele Mori, Marco Zoppello
e con Matteo Pozzobon
testo e regia Marco Zoppello
scenografia Alberto Nonnato
maschere Roberta Bianchini
costumi Lauretta Salvagnin
luci Matteo Pozzobon
habitat sonoro Giovanni Frison
consulenza video Raffaella Rivi

produzione Stivalaccio Teatro / Operaestate Festival Veneto
con il sostegno di Teatro della Toscana (progetto studio teatro) La Corte Ospitale (progetto residenze 2018)
testo finalista al Premio Hystrio Scritture di Scena 2018

La giovane compagnia Stivalaccio Teatro porta in scena vizi e difetti del vivere del nuovo millennio con uno spettacolo in bilico tra dramma e ironia, tra risate e commozione.

Una farsa grottesca, un ring, un luogo di scontro in cui ignavi, ipocriti, violenti e iracondi si sono dati appuntamento.

Da qualche parte in mezzo alla neve, si trova la “Banca Mondiale dei Semi”, costruita per custodire e difendere almeno un esemplare di ogni semente presente in natura. È la vigilia di Natale e a presidiare questo patrimonio naturale di oltre 84 mila esemplari, ci sono tre soldati italiani: Il Sergente Maggiore Mario Zoppei, caposquadra latinista, il giovane e irrequieto Soldato Scelto Mario Rossi e il Soldato Giorgio Morello, prolungamento in divisa del suo stesso tablet. Mentre si consuma il loro ultimo giorno di servizio la base viene presa di mira da una coppia di eco-terroriste, due schegge impazzite tra la neve, determinate a liberare le piante da questa prigione di cemento.
Questi personaggi coi volti nascosti da maschere dai tratti caricati e deformi, a metà tra il fumetto e la satira espressionista del ‘900, sono dei piccoli mostri che, come le antiche maschere della Commedia dell’Arte, sgomitano in un mondo confuso per trovare il loro spazio nella società in cui il confine tra bene e male è estremamente labile e il fine forse giustifica i mezzi.

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

5 - 10 Maggio 2020

acquista biglietti
martedì 5 Maggio h 20:30
mercoledì 6 Maggio h 19:15
giovedì 7 Maggio h 20:00
venerdì 8 Maggio h 20:30
sabato 9 Maggio h 21:00
domenica 10 Maggio h 15:45

Sala AcomeA

Intero 15€; under26 13€; over65 15€

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento LiberoPassepartoutAbbonamento ClassicoCard ACard B

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Indietro

SÊMI

5 - 10 Maggio 2020
Ti potrebbe interessare

Schianto

5 - 17 Novembre 2019

In scena la giovane e promettente compagnia Oyes, con un testo che tra il comico e il tragico, è una surreale autocritica di una nuova generazione che ha smesso di credere nel cambiamento.

SocialMente

19 - 22 Novembre 2019

Frigoproduzioni, giovane compagnia milanese, propone una riflessione sui meccanismi di sovrapposizione di azione e pensiero, realtà e irrealtà: un cortocircuito emozionale, un’allucinazione continua in cui scorrono sul palco i sogni di successo e gli incubi di fallimento di due protagonisti.

Tropicana

23 Novembre - 1 Dicembre 2019

In un’epoca in cui anche l’arte diventa merce, la soluzione può essere la prostituzione dell’artista? Come si può andare avanti in un percorso artistico reinventandosi ma mantenendo una propria identità? Una riflessione sul rapporto tra arte e mercato. Frigoproduzioni.

Io, mai niente con nessuno avevo fatto

14 - 26 Gennaio 2020

La compagnia Vuccirìa Teatro, conosciuta anche oltreoceano, presenta un dramma di travolgente impatto emotivo, in una Sicilia ancestrale corrosa dal sole e dalla povertà dove si respira un opprimente fato da tragedia greca