Teatro Opera panica
24 Settembre - 13 Ottobre 2019

Opera panica

Cabaret tragico

24 Settembre - 13 Ottobre 2019
martedì 24 Settembre h 19:30
mercoledì 25 Settembre h 20:15
giovedì 26 Settembre h 20:30
venerdì 27 Settembre h 21:00
sabato 28 Settembre h 20:00
domenica 29 Settembre h 16:45
martedì 1 Ottobre h 19:30
mercoledì 2 Ottobre h 20:15
giovedì 3 Ottobre h 20:30
venerdì 4 Ottobre h 21:00
sabato 5 Ottobre h 20:00
domenica 6 Ottobre h 16:45
martedì 8 Ottobre h 19:30
mercoledì 9 Ottobre h 20:15
giovedì 10 Ottobre h 20:30
venerdì 11 Ottobre h 21:00
sabato 12 Ottobre h 20:00
domenica 13 Ottobre h 16:45

Sala Tre

1 ora e 40 minuti

Intero 25€; under26/over65 15€; convenzioni 18€

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento liberoPassepartoutAbbonamento ClassicoCard ACard B

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di Alejandro Jodorowsky
traduzione di Antonio Bertoli
con Valentina Picello, Francesco Sferrazza Papa, Loris Fabiani
e con i DUPERDU (Marta Maria Marangoni e Fabio Wolf, autori e interpreti delle canzoni originali) e altri in via di definizione
regia e spazio scenico Fabio Cherstich
costumi Gianluca Sbicca

produzione Teatro Franco Parenti
Spettacolo vincitore NEXT Laboratorio delle idee per la produzione e la distribuzione dello spettacolo dal vivo lombardo – Edizione 2016/2017

Un testo divertente, assurdo, violento e politico sulla ricerca della felicità. Niente moralismi, solo la grande poesia di Jodorowsky.

E come in una partitura senza regole e visionaria Fabio Cherstich alterna una selezione delle 26 mini-pièce tra songs philosophique dal sapore brechtiano, piccoli balletti e video-pantomime, originali, colorate, dinamiche, esilaranti. Non c’è trucco, non c’è inganno: tutto è rigorosamente dal vivo.

Inevitabile rimanere sedotti e spiazzati dalla comicità e dal paradosso di un’umanità incastrata nella sua stessa esistenza.

Opera Panica è un lavoro ad alto tasso di contaminazione, un anarchico e vitale inno alla vita nella sua dissacrante bellezza, come sgorga dal testo magico e brutale di Jodorowsky.
Michele Weiss – La Stampa Milano
  • 1 di 12. © Noemi Ardesi
  • 2 di 12. © Noemi Ardesi
  • 3 di 12. © Noemi Ardesi
  • 4 di 12. © Noemi Ardesi
  • 5 di 12. © Noemi Ardesi
  • 6 di 12. © Noemi Ardesi
  • 7 di 12. © Noemi Ardesi
  • 8 di 12. © Luca Del Pia
  • 9 di 12. © Luca Del Pia
  • 10 di 12. © Luca Del Pia
  • 11 di 12. © Luca Del Pia
  • 12 di 12. © Luca Del Pia

«Lo spettacolo è pensato come un pastiche indisciplinato e visionario, un cabaret tragicomico come la nostra esistenza. Sul palco si alternano una selezione delle 26 mini-pièce che compongono il testo originale con songs philosophique dal sapore brechtiano, piccoli balletti e alcune video-pantomime. Quattro attori interpretano i tanti personaggi protagonisti del testo, accompagnati dalla musica composta ad hoc ed eseguita dal vivo dal duo di musicisti milanesi Duperdu. Durante la preparazione dello spettacolo ho incontrato Jodorowsky a Parigi per parlare con lui del testo e mi è rimasta impressa una frase che mi ha detto citando il suo manifesto per un teatro panico “I romani dicevano Io indicandosi la pancia. Per loro il cervello era solo un congelatore delle idee che nascono calde all’altezza dell’ombelico. Il teatro si esprime con l’inconscio. Bisogna permettere ad esso di fluire in scena con la stessa libertà con cui sgorgano i sogni.”»
Fabio Cherstich

Cherstich costruisce una scatola scenica di fantasiosa eleganza estetica, sfruttando colori e citazioni grafiche, video live e specchi deformanti a contenere un cabaret di prospettive sghembe con balletti e musica. Gli attori assecondano in agilità e destrezza una partitura disposta a sussulti, deragliamenti, cambi di ritmo e di costumi. Uno spettacolo divertente,intelligente e tutt'altro che banale.
Sara Chiappori – la Repubblica
Qui, dal panico surrealista ne esce un dramma satiresco contemporaneo, in perfetto equilibrio tra dionisiaco e apollineo, che tanto piacerebbe agli antichi come ai moderni, a Nietzsche come a Jodorowsky.
Camilla Tagliabue – Il Fatto Quotidiano
Quel che salta all’occhio sono la cura, l’attenzione, l’alto grado d’inventiva, la padronanza dei codici e il loro uso professionale – suoi, ma non meno degli attori e del duo – che fanno di questa Opera Panica uno spettacolo molto “godibile” e “ben fatto”. E chissà che questa capacità di uscire da teatro, portandosi dentro queste e altre riflessioni, non sia, a suo modo, un atto psicomagico.
Francesca Romana Lino – Fattiditeatro
E così, in un equilibrio sorprendente, si susseguono i vari quadri dove i quattro giovani attori protagonisti si esprimono in un crescendo di quell'arte totale (panica) esplorata dal grande drammaturgo. Un carosello visionario e divertente, che si risolve in un limpido approccio al pensiero e alla poesia del grande drammaturgo cileno.
Tiziana Montrasio – Il Sole 24Ore Domenica
Sono pezzi di vita che passano attraverso l’occhio deformante dell’autore, nel vigore del linguaggio teatrale, talvolta circense, tra assurdo e follia, burlesque, risata e tragicomica.
Raffaella Roversi – 2duerighe
L'umanità viene messa a nudo in modo straniante, dando vita ad un componimento assurdo, simbolico e potente che arriva direttamente allo spettatore.
Francesco Sileo – Vice-Creators
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

24 Settembre - 13 Ottobre 2019

martedì 24 Settembre h 19:30
mercoledì 25 Settembre h 20:15
giovedì 26 Settembre h 20:30
venerdì 27 Settembre h 21:00
sabato 28 Settembre h 20:00
domenica 29 Settembre h 16:45
martedì 1 Ottobre h 19:30
mercoledì 2 Ottobre h 20:15
giovedì 3 Ottobre h 20:30
venerdì 4 Ottobre h 21:00
sabato 5 Ottobre h 20:00
domenica 6 Ottobre h 16:45
martedì 8 Ottobre h 19:30
mercoledì 9 Ottobre h 20:15
giovedì 10 Ottobre h 20:30
venerdì 11 Ottobre h 21:00
sabato 12 Ottobre h 20:00
domenica 13 Ottobre h 16:45

Sala Tre

1 ora e 40 minuti

Intero 25€; under26/over65 15€; convenzioni 18€

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento liberoPassepartoutAbbonamento ClassicoCard ACard B

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Ti potrebbe interessare

Clôture de l’amour

16 - 30 Ottobre 2019

Pascal Rambert – drammaturgo, regista e autore tra i più tradotti e rappresentati a livello internazionale – mette in scena una rovente resa dei conti di una coppia giunta al capolinea. Con Anna Della Rosa e Luca Lazzareschi.

Marjorie Prime

24 Ottobre - 17 Novembre 2019

Dopo i successi di Buon anno, ragazzi e Per strada, Raphael Tobia Vogel affronta un nuovo capitolo del suo percorso, mettendosi alla prova con un testo che esplora il rapporto tra memoria e identità. Con Ivana Monti.

Gino il postino

5 - 24 Novembre 2019

Vi siete mai ritrovati seduti su una sedia, inermi rispetto alla vostra esistenza? Gino in una notte d’estate decide di alzarsi in piedi e di reagire. Un’ironica riflessione sulle relazioni umane e sulla fragilità degli uomini. Con Francesco Brandi.

 

Lungs

4 - 22 Dicembre 2019

Lungs (in italiano “polmoni”). Una pièce semplice, come respirare, e come il respiro ha un ritmo serrato di fiati, violento e delicato, struggente e divertente. Di Duncan Macmillan, regia Massimiliano Farau.