Teatro Marjorie Prime
24 Ottobre - 17 Novembre 2019 acquista biglietti
24 Ottobre - 17 Novembre 2019
© Noemi Ardesi

prima nazionale

giovedì 24 Ottobre h 20:00
venerdì 25 Ottobre h 20:30
sabato 26 Ottobre h 21:00
domenica 27 Ottobre h 15:45
martedì 29 Ottobre h 20:30
mercoledì 30 Ottobre h 19:15
giovedì 31 Ottobre h 20:00
sabato 2 Novembre h 21:00
domenica 3 Novembre h 15:45
martedì 5 Novembre h 20:30
mercoledì 6 Novembre h 19:15
giovedì 7 Novembre h 20:00
venerdì 8 Novembre h 20:30
sabato 9 Novembre h 21:00
domenica 10 Novembre h 15:45
mercoledì 13 Novembre h 19:15
giovedì 14 Novembre h 20:00
venerdì 15 Novembre h 20:30
sabato 16 Novembre h 21:00
domenica 17 Novembre h 15:45

Sala AcomeA

1 ora 40 minuti

Prime file > intero 38€
Platea > intero 30€; under26 15€; over65 18€; convenzioni 21€
Galleria > intero 21€; under26 13€; over65 15€; convenzioni 21€

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento LiberoPassepartoutAbbonamento ClassicoCard ACard B

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di Jordan Harrison
traduzione Matteo Colombo
regia Raphael Tobia Vogel
con Ivana Monti, Elena Lietti, Pietro Micci, Francesco Sferrazza Papa
scene Marco Cristini
luci Paolo Casati
costumi Sasha Nikolaeva
video Cristina Crippa

assistente alla regia Beatrice Cazzaro
assistente scenografa Katarina Stancic
direttore di scena Mattia Fontana
elettricista Paolo Casati
fonico Davide Marletta
sarta Caterina Airoldi
scene costruite presso il laboratorio del Teatro Franco Parenti
costumi realizzati presso la sartoria del Teatro Franco Parenti diretta da Simona Dondoni

produzione Teatro Franco Parenti

spettacolo inserito nel progetto Dalla maschera al robot con il contributo di

Con Ivana Monti, grande interprete del teatro italiano, diretta da Raphael Tobia Vogel, regista dei successi Buon anno, ragazzi e Per strada.

Anno 2060: l’Intelligenza Artificiale a uso domestico ha sfornato i Prime, proiezioni olografiche dalle sembianze umane.

Ma cosa ci rende umani se le macchine arrivano ad assomigliarci e a ricordare?

È questa la sfida che il progresso ci impone per diventare ancora più umani? Questi, i quesiti di Marjorie Prime, tratto dal testo con cui l’americano Jordan Harrison è arrivato finalista al Pulitzer 2015.

Il testo di Jordan Harrison messo in scena da Raphael Tobia Vogel con una bravissima Ivana Monti e una prova notevole di Elena Lietti, sorprende non solo per i temi toccati, l’Alzheimer e il rapporto futuribile fra umano e intelligenza artificiale, ma anche per la qualità della resa teatrale.
Maria Grazia Gregori - dalteatro.it
Tutti gli attori danno prova di un affiatamento artistico che rende tangibile la verosimiglianza dei dialoghi e altresì dei rapporti sottesi. Ciò che emerge maggiormente è, invero, la complessità delle relazioni affettive particolarmente intime, come possono essere quella dei genitori e figli e quella di una coppia di coniugi. Il rapporto con le macchine, difatti, pare servire a tratti più da pretesto per mettere in luce le dinamiche relazionali problematiche nelle quali ciascuno è immerso, a volte senza facoltà d'uscirne indenne.
Virginia Benenati – teatro.it
  • 1 di 5. © Noemi Ardesi
  • 2 di 5. © Noemi Ardesi
  • 3 di 5. © Noemi Ardesi
  • 4 di 5. © Noemi Ardesi
  • 5 di 5. © Noemi Ardesi
Un testo intrigante che s’interroga senza moralismi su relazioni artificiali e identità, ma anche sul tempo e su ciò che resterà di noi, sulle difficoltà dell’età che avanza, i bisogni più intimi, la memoria individuale e pubblica e sulle nuove forme di vita digitale.
Livia Grossi – Corriere delle Sera

Gli altri appuntamenti del progetto Dalla maschera al robot

Live elettronico (Luca Maria Baldini) / violino sul capolavoro di Fritz Lang
Incontri di approfondimento
Per le scuole superiori
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

24 Ottobre - 17 Novembre 2019

acquista biglietti

prima nazionale

giovedì 24 Ottobre h 20:00
venerdì 25 Ottobre h 20:30
sabato 26 Ottobre h 21:00
domenica 27 Ottobre h 15:45
martedì 29 Ottobre h 20:30
mercoledì 30 Ottobre h 19:15
giovedì 31 Ottobre h 20:00
sabato 2 Novembre h 21:00
domenica 3 Novembre h 15:45
martedì 5 Novembre h 20:30
mercoledì 6 Novembre h 19:15
giovedì 7 Novembre h 20:00
venerdì 8 Novembre h 20:30
sabato 9 Novembre h 21:00
domenica 10 Novembre h 15:45
mercoledì 13 Novembre h 19:15
giovedì 14 Novembre h 20:00
venerdì 15 Novembre h 20:30
sabato 16 Novembre h 21:00
domenica 17 Novembre h 15:45

Sala AcomeA

1 ora 40 minuti

Prime file > intero 38€
Platea > intero 30€; under26 15€; over65 18€; convenzioni 21€
Galleria > intero 21€; under26 13€; over65 15€; convenzioni 21€

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento LiberoPassepartoutAbbonamento ClassicoCard ACard B

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Indietro

prima nazionale

Marjorie Prime

24 Ottobre - 17 Novembre 2019
Ti potrebbe interessare

Gino il postino

20 Novembre - 1 Dicembre 2019

Vi siete mai ritrovati seduti su una sedia, inermi rispetto alla vostra esistenza? Gino in una notte d’estate decide di alzarsi in piedi e di reagire. Un’ironica riflessione sulle relazioni umane e sulla fragilità degli uomini. Con Francesco Brandi.

 

Lungs

4 - 22 Dicembre 2019

Lungs (in italiano “polmoni”). Una pièce semplice, come respirare, e come il respiro ha un ritmo serrato di fiati, violento e delicato, struggente e divertente. Di Duncan Macmillan, regia Massimiliano Farau.

Sulla morte senza esagerare

7 - 8 Dicembre 2019

Dopo il successo di Visite, la giovane compagnia Teatro dei Gordi torna al Parenti con il suo primo spettacolo, omaggio alla poetessa polacca Wisława Szymborska. Con leggerezza e con un uso non convenzionale di maschere contemporanee, al centro il delicato tema della morte.

Nel mare ci sono i coccodrilli

Storia vera di Enaiatollah Akbari
22 Gennaio - 2 Febbraio 2020

Uno dei libri italiani più commoventi degli ultimi anni, il best seller di Fabio Geda, tradotto in 31 paesi, approda a teatro con la toccante interpretazione di Paolo Briguglia.