Marjorie Prime

SPETTACOLO ANNULLATO

12 - 25 Novembre 2020
© Noemi Ardesi
giovedì 12 Novembre h 20:00
venerdì 13 Novembre h 20:30
sabato 14 Novembre h 21:00
domenica 15 Novembre h 15:45
martedì 17 Novembre h 20:30
mercoledì 18 Novembre h 19:15
giovedì 19 Novembre h 20:00
venerdì 20 Novembre h 20:30
sabato 21 Novembre h 21:00
domenica 22 Novembre h 15:45
martedì 24 Novembre h 20:30
mercoledì 25 Novembre h 19:15

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala AcomeA
1 ora e 40 minuti

I settore> intero 22€;
II settore > intero 18€; under26/over65 15€; convenzioni 15€
III settore e galleria > intero 13,50€; under26/over65 10€; convenzioni 10€
_________________________

Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_________________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Card Campo ApertoAbbonamento liberoPassepartoutCard libera

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di Jordan Harrison
traduzione Matteo Colombo
regia Raphael Tobia Vogel
con Ivana Monti, Elena Lietti, Pietro Micci, Francesco Sferrazza Papa
scene Marco Cristini
luci Paolo Casati
costumi Sasha Nikolaeva
video Cristina Crippa
assistente alla regia Beatrice Cazzaro
assistente scenografa Katarina Stancic
direttore di scena Mattia Fontana
elettricista Paolo Casati
fonico Davide Marletta
sarta Caterina Airoldi
scene costruite presso il laboratorio del Teatro Franco Parenti
costumi realizzati presso la sartoria del Teatro Franco Parenti diretta da Simona Dondoni

produzione Teatro Franco Parenti/ Fondazione Teatro della Toscana

Ivana Monti, grande interprete del teatro italiano, è Marjorie, una donna che, affetta da Alzheimer e con il suo senso di identità in perenne deterioramento, passa le sue giornate a parlare con la copia digitale del defunto marito.

Un testo intrigante di Jordan Harrison, finalista al Pulitzer 2015, che si interroga sul  rapporto futuribile fra umano e intelligenza artificiale, fra memoria e identità.

Ma cosa ci rende umani se le macchine arrivano ad assomigliarci e a ricordare?

Il testo di Jordan Harrison messo in scena da Raphael Tobia Vogel con una bravissima Ivana Monti e una prova notevole di Elena Lietti, sorprende non solo per i temi toccati, l’Alzheimer e il rapporto futuribile fra umano e intelligenza artificiale, ma anche per la qualità della resa teatrale.
Maria Grazia Gregori - dalteatro.it
Tutti gli attori danno prova di un affiatamento artistico che rende tangibile la verosimiglianza dei dialoghi e altresì dei rapporti sottesi. Ciò che emerge maggiormente è, invero, la complessità delle relazioni affettive particolarmente intime, come possono essere quella dei genitori e figli e quella di una coppia di coniugi. Il rapporto con le macchine, difatti, pare servire a tratti più da pretesto per mettere in luce le dinamiche relazionali problematiche nelle quali ciascuno è immerso, a volte senza facoltà d'uscirne indenne.
Virginia Benenati – teatro.it
Un testo intrigante che s’interroga senza moralismi su relazioni artificiali e identità, ma anche sul tempo e su ciò che resterà di noi, sulle difficoltà dell’età che avanza, i bisogni più intimi, la memoria individuale e pubblica e sulle nuove forme di vita digitale.”
Livia Grossi – Corriere delle Sera
  • 1 di 5. © Noemi Ardesi
  • 2 di 5. © Noemi Ardesi
  • 3 di 5. © Noemi Ardesi
  • 4 di 5. © Noemi Ardesi
  • 5 di 5. © Noemi Ardesi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

12 - 25 Novembre 2020

acquista biglietti
giovedì 12 Novembre h 20:00
venerdì 13 Novembre h 20:30
sabato 14 Novembre h 21:00
domenica 15 Novembre h 15:45
martedì 17 Novembre h 20:30
mercoledì 18 Novembre h 19:15
giovedì 19 Novembre h 20:00
venerdì 20 Novembre h 20:30
sabato 21 Novembre h 21:00
domenica 22 Novembre h 15:45
martedì 24 Novembre h 20:30
mercoledì 25 Novembre h 19:15

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala AcomeA
1 ora e 40 minuti

I settore> intero 22€;
II settore > intero 18€; under26/over65 15€; convenzioni 15€
III settore e galleria > intero 13,50€; under26/over65 10€; convenzioni 10€
_________________________

Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_________________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Card Campo ApertoAbbonamento liberoPassepartoutCard libera

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Indietro

Marjorie Prime

12 - 25 Novembre 2020
Ti potrebbe interessare

Pandora

9 - 13 Dicembre 2020

Dopo il debutto alla Biennale di Venezia 2020, torna in casa Parenti la compagnia del Teatro dei Gordi che, guidati dal regista Riccardo Pippa, continua l’indagine su una forma teatrale che si affida al gesto, ai corpi con e senza maschere, a una parola-suono scarna e essenziale che supera le barriere linguistiche.

Un poyo rojo

15 - 18 Giugno 2020

Uno de los 10 mejores espectáculos del año en Argentina. Nello spogliatoio di una palestra, due uomini si scrutano, si squadrano, si provocano, si affrontano – quasi come due galli da combattimento – tentando di sedursi.

Il filo invisibile

SPETTACOLO ONLINE SU ZOOM
26 Ottobre 2020 - 22 Gennaio 2021

Ventisei spettatori per uno spettacolo online che fonde illusionismo, teatro e filosofia con l’obbiettivo di raccontare e ricreare cinque storie che sfidano l’impossibile.

Buon anno, ragazzi

9 - 20 Dicembre 2020

Vincitore del Premio Nazionale Enriquez 2018 per la regia e la drammaturgia, un esilarante racconto sull’incapacità di esprimere i propri sentimenti, che osserva con sguardo malinconico le difficoltà di vivere in una società. Di e con Francesco Brandi, regia Raphael Tobia Vogel.