Teatro La Monaca di Monza
12 Febbraio - 3 Marzo 2019 acquista biglietti
12 Febbraio - 3 Marzo 2019
© Laila Pozzo
martedì 12 Febbraio h 20:30
mercoledì 13 Febbraio h 19:15
giovedì 14 Febbraio h 20:00
venerdì 15 Febbraio h 20:30
sabato 16 Febbraio h 21:00
domenica 17 Febbraio h 15:45
martedì 19 Febbraio h 20:30
mercoledì 20 Febbraio h 19:15
giovedì 21 Febbraio h 20:00
venerdì 22 Febbraio h 19:45
sabato 23 Febbraio h 21:00
domenica 24 Febbraio h 15:45
martedì 26 Febbraio h 20:30
mercoledì 27 Febbraio h 19:15
giovedì 28 Febbraio h 20:00
venerdì 1 Marzo h 20:30
sabato 2 Marzo h 21:00
domenica 3 Marzo h 15:45

Sala AcomeA

1 ora e 30 minuti circa

Platea
Intero > 23,50€ + prev.
Ridotto Over65/under26 > 15€ + prev.
Convenzioni* > 18€ + prev.
Galleria
Intero > 18€
Ridotto Over65/under26 > 15€ + prev.
* le convenzioni sono valide per platea e galleria, e per tutti i giorni, esclusi venerdì e sabato.
I biglietti saranno in vendita a partire dall’1 Agosto sulla nostra biglietteria online.

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Quartetto 3piùUNOOttetto 6piùDUEAbbonAnno 2019

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di Giovanni Testori
adattamento per tre voci e regia Valter Malosti

con Federica Fracassi
e  Vincenzo Giordano, Giulia Mazzarino

scene e luci Nicolas Bovey
costumi Gianluca Sbicca
cura del movimento Marco Angelilli
progetto sonoro Valter Malosti
suono e programmazione luci Fabio Cinicola

produzione Teatro Franco Parenti / TPE – Teatro Piemonte Europa / Centro Teatrale Bresciano / Teatro di Dioniso
con il sostegno di Associazione Giovanni Testori
si ringraziano Giuseppe Frangi, Paola Pedrazzini, Noemi Apuzzo e Maria Caggianelli Villani

Valter Malosti e Federica Fracassi, entrambi pluripremiati dalla critica italiana, tornano a lavorare insieme portando in scena la feroce confessione di Marianna De Leyva, la Monaca di Monza.

Nella versione di Testori come in soggettiva cinematografica la protagonista, da morta, rivive la vicenda fin dal suo proprio concepimento avvenuto con atto brutale del padre su una delicata figura di madre, per poi passare a rievocare il disperato amore per Gian Paolo Osio, vero e proprio eroe nero e sanguinario che finisce i suoi giorni barbaramente trucidato.

Malosti dirige la Fracassi, interprete sensibile alle nuove drammaturgie, votata alle scritture più visionarie, feroci, poetiche degli ultimi anni e già intensa interprete dell’universo femminile testoriano (nei panni di Erodiàs, Cleopatràs e Mater Strangosciàs).

Un appuntamento prezioso per rendere omaggio a Giovanni Testori, uno dei più importanti intellettuali italiani del Novecento e alla figura femminile della monaca di Monza, emblema della fanciulla malmonacata.

Una performance violentemente poetica, amplificata dalle voci dei giovani attori che accompagneranno la Fracassi in scena.

  • 1 di 10. © Noemi Ardesi
  • 2 di 10. © Noemi Ardesi
  • 3 di 10. © Noemi Ardesi
  • 4 di 10. © Noemi Ardesi
  • 5 di 10. © Noemi Ardesi
  • 6 di 10. © Noemi Ardesi
  • 7 di 10. © Noemi Ardesi
  • 8 di 10. © Noemi Ardesi
  • 9 di 10. © Noemi Ardesi
  • 10 di 10. © Noemi Ardesi

Sentenza emessa dal Vicario Criminale nei confronti di suor Virginia Maria De Leyva

Nel nome di Gesù Cristo. Amen. Noi, Mamurìo Lancilotto ecc., e nella causa e nelle cause che vertono… [Iesu Christi nomine amen. Nos Mamurius Lancillotus etc. et in causa et causis vertentibus…]

Invocato ripetutamente il nome di Cristo e avendo solo Dio davanti agli occhi ecc., affermiamo decidiamo dichiariamo pronunciamo e definitivamente sentenziamo col consiglio e con l’approvazione di giurisperiti e inoltre in ogni miglior modo ciò che segue.

La signora suor Virginia Maria de Leyva, monaca professa nel monastero di S. Margherita della città di Monza, diocesi di Milano, sottoposta e soggetta alla potestà e alla giurisdizione di questo Arcivescovado, in verità e in realtà non solo indiziata da molti testi ma anche per propria ammissione convinta e confessa dei numerosi gravi enormi e atrocissimi delitti, che risultano tutti con molta chiarezza e compiutezza nel processo istruito contro di lei, contro altri e altre monache di detto monastero quali complici, trovata colpevolissima e secondo il diritto meritevole in misura più che sufficiente di punizione, pur comportandoci con una certa mitezza nei confronti della stessa secondo quanto dispongono i sacri canoni, le costituzioni pontifìcie e altri provvedimenti relativi alla materia ecc., dovrà e deve essere condannata, come la condanniamo, rispettivamente alla pena e alla penitenza della carcerazione perpetua nel monastero di S. Valerla di Milano. Venga posta in una piccola cella nel monastero e vi sia rinchiusa;
si ostruisca inoltre l’entrata di siffatto carcere con un muro costruito con pietre e calce e sia completamente isolata.

Ordiniamo che suor Virginia Maria sia subito condotta e rinchiusa dentro il detto carcere e che vi sia murata per sempre, finché avrà vita, in tal modo e maniera che debba rimanere e dimorare prigioniera qui per tutta la sua vita, di giorno e di notte in pena e penitenza dei suoi peccati e soprattutto degli eccessi crimini e delitti compiuti e commessi da essa, salvo altri complici in questione ecc. Mai, finché avrà vita, possa e abbia la facoltà di uscirne e neppure le possa essere concesso da alcuno il permesso. Sia lasciato solo un piccolo foro nella parete del carcere, attraverso il quale possano essere passati e consegnati a suor Virginia Maria gli alimenti o le cose necessarie al suo sostentamento, perché non muoia di fame e inoltre per ogni altro miglior fine ed effetto ecc., sia lasciato anche un altro piccolo foro o una finestrella, attraverso cui possa ricevere luce ed aria. E per implorare dal sommo Dio il perdono dei suoi peccati crimini eccessi e delitti e per la salvezza della sua anima, detta suor Virginia Maria debba e sia tenuta a digiunare ogni sesto giorno di ciascuna settimana per cinque anni, possibilmente a pane e acqua, in ricordo della santissima passione di nostro Signore Gesù Cristo. E questo per una penitenza salutare in aggiunta alla pena e penitenza della carcerazione perpetua e pensando appunto, come mostriamo, alla salvezza della sua anima. E parimenti, finché avrà vita, sia tenuta a recitare dentro detto carcere con diligenza pietà e devozione le ore canoniche e a non tralasciarle mai se non per un motivo legittimo e inevitabile.

E vogliamo dichiariamo stabiliamo e ordiniamo che le entrate dei livelli, tutte le pensioni, i frutti e i redditi e i proventi di quelli e di ogni dote di suor Virginia Maria siano devoluti e concessi, come devolviamo e concediamo, al detto monastero di S. Valeria di Milano a titolo di alimenti per lei, rinchiusa dentro il carcere, solo finché vi vivrà; alla sua morte, quando piacerà al santissimo Dio, i detti livelli pensioni doti entrate frutti redditi e proventi di quelli e di quelle ritornino subito e immediatamente al predetto monastero di S. Margherita, ove la stessa suor Virginia Maria era monaca professa e viveva con le altre monache. E inoltre diciamo stabiliamo e dichiariamo che detta suor Virginia Maria debba essere e sia privata interamente, come la priviamo, di ogni e qualsiasi diritto incarico privilegio ufficio benefìcio prerogativa e dignità di detto monastero e di ogni voce attiva e passiva. E così diciamo, e in questi scritti come sopra sentenziamo dichiariamo condanniamo ecc. Cosi ho sentenziato io, Mamurio Lancilotto, vicario criminale arcivescovile.

  • 1 di 6. © Laila Pozzo
  • 2 di 6. © Laila Pozzo
  • 3 di 6. © Laila Pozzo
  • 4 di 6. © Laila Pozzo
  • 5 di 6. © Laila Pozzo
  • 6 di 6. © Laila Pozzo
Lo spettacolo fa parte del
In esclusiva per i Parenti Social Club
Prove aperte
23, 24, 25 gennaio
Scopri di più!
Rassegna stampa
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

12 Febbraio - 3 Marzo 2019

acquista biglietti
martedì 12 Febbraio h 20:30
mercoledì 13 Febbraio h 19:15
giovedì 14 Febbraio h 20:00
venerdì 15 Febbraio h 20:30
sabato 16 Febbraio h 21:00
domenica 17 Febbraio h 15:45
martedì 19 Febbraio h 20:30
mercoledì 20 Febbraio h 19:15
giovedì 21 Febbraio h 20:00
venerdì 22 Febbraio h 19:45
sabato 23 Febbraio h 21:00
domenica 24 Febbraio h 15:45
martedì 26 Febbraio h 20:30
mercoledì 27 Febbraio h 19:15
giovedì 28 Febbraio h 20:00
venerdì 1 Marzo h 20:30
sabato 2 Marzo h 21:00
domenica 3 Marzo h 15:45

Sala AcomeA

1 ora e 30 minuti circa

Platea
Intero > 23,50€ + prev.
Ridotto Over65/under26 > 15€ + prev.
Convenzioni* > 18€ + prev.
Galleria
Intero > 18€
Ridotto Over65/under26 > 15€ + prev.
* le convenzioni sono valide per platea e galleria, e per tutti i giorni, esclusi venerdì e sabato.
I biglietti saranno in vendita a partire dall’1 Agosto sulla nostra biglietteria online.

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Quartetto 3piùUNOOttetto 6piùDUEAbbonAnno 2019

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Ti potrebbe interessare

Lino Guanciale legge le poesie d’amore di Giovanni Testori

18 Marzo 2019

Una raccolta molto intimista, in cui lo scrittore lombardo si misura con l’ amore come sentimento totalizzante e incondizionato. Amore degli uomini e delle donne, carnale ma anche immortale.

Alla prova de I promessi sposi

Adotta un personaggio e riscrivi la storia dal suo punto di vista
da febbraio ad aprile

Un laboratorio di ri-scrittura creativa della storia e dei personaggi del grande classiso manzoniano. Per le classi della scuola secondaria di secondo grado.

Laboratorio di drammaturgia: Ri-scrivere come Testori

condotto da Angela Dematté
18 febbraio - 31 marzo 2019

In occasione della messa in scena de La Monaca di Monza e de I Promessi sposi alla prova, un progetto di scrittura teatrale a partire dal lavoro del maestro Giovanni Testori, condotto da Angela Demattè.

I Promessi sposi alla prova

19 Marzo - 7 Aprile 2019

“Ci sono momenti storici in cui alcuni testi ci sembrano necessari; la prima volta che ho messo in scena I Promessi sposi alla prova con Franco Parenti ne sentivo la necessità e la sento, oggi, come e forse più di allora” Andrée Ruth Shammah