Io e l’asino mio

Storie dei Crepax raccontate da Valentina Crepax

7 Ottobre 2020
Valentina Crepax e Gigi Zazzeri
mercoledì 7 Ottobre h 19:00

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala AcomeA

Ingresso TFP cortesia 3,50€

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Presentazione del libro di Valentina Crepax
Io e l’asino mio.
Storie dei Crepax raccontate da Valentina Crepax
con una lettera di Natalia Aspesi all’autrice
con foto dell’archivio di famiglia e disegni di Guido Crepax
edito da Bompiani

dialogano Caterina Crepas/x e Irene Soave
introduce Stefano Bartezzaghi

Associazione Pier Lombardo

Ho cercato di spiegarlo benissimo anche ai miei nipoti perché potessero crescere in linea con lo stile di famiglia: un cretino è un cretino e per questo è apprezzabilissimo.

Tutte le famiglie felici si somigliano, ma questa no, non somiglia a nessun’altra. Nella felicità i Crepax sono inclini al riso, vivissimi, brillanti, inarrestabili. Adulti, bambini, cani, tartarughe, case e mezzi di trasporto, avi e fidanzati: l’appartenenza o la prossimità al casato porta un taglio di luce obliqua su ogni cosa e persona e tutto così diventa sketch, teatro, epopea.

Che si tratti di rivoltare un cappotto vecchio, affrontare una crisi famigliare, produrre musica o fumetti (e che musica, e che fumetti), tutti loro mostrano i tratti di una creatività istintiva che li rende, generazione dopo generazione, perfetti personaggi da romanzo. Eppure quelle che ci racconta la Valentina di carne (e non quella di carta, disegnata da uno zio geniale) sono storie di vita reale e quotidiana, a volte travagliate e dolorose, sempre attraversate dalla forza dirompente dell’ironia. Sullo sfondo, bellissima e riservata, la Milano degli anni Cinquanta, dove c’era da rifare tutto – la musica leggera, i giornali, l’arredamento, il modo di stare al mondo. Finito di leggere il libro, un’amica che si chiama Natalia Aspesi ha scritto una lettera all’autrice: “Mentre ricordavi, hai capito di essere molto fortunata?”. Fortunati siamo certo noi, a cui il libro di Valentina Crepax riporta l’umorismo naturale di una famiglia che ha speso con amore e senza mai risparmiarsi il suo talento nella Milano che stava inventandosi una vita meno agra.

Valentina Crepax (1952-2020), figlia del discografico Franco e nipote del fumettista Guido, è nata a Milano e ci ha sempre vissuto e lavorato. Ha cominciato come giornalista di società e costume sui primi numeri di la Repubblica e ha proseguito in molti altri luoghi scrivendo di donne, cose e uomini. Ha catalogato bizzarri esemplari specialmente maschili in libri di estrosa scrittura, come Gli uomini: istruzioni per l’uso e Tipi metropolitani.

 “Anch’io ero grassa e ridanciana, precisa identica a adesso. Nei primi cinque anni della mia vita mi sono stati imposti due fratelli: Margherita e Nicola; tutti in casa hanno preso gli eventi, assai ravvicinati tra loro, addirittura con entusiasmo e, qualche volta mi sono adeguata anch’io al clima di letizia senza però mai capire se fosse stata una scellerata scelta obbligata o un caso al quale doversi rassegnare. Per fortuna mia nonna ha sempre preferito me. Credo. Comincia così, grosso modo, la storia di una famiglia veneto-napoletana, ma alla fine milanese, della borghesia… potrei dire illuminata ma mi sembra più opportuno definirla incandescente, finita suo malgrado alla ribalta grazie ai fratelli Crepax: Guido perché è Guido e Franco perché è Franco. Io ne sono la vittima privilegiata.”

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

7 Ottobre 2020

acquista biglietti
mercoledì 7 Ottobre h 19:00

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala AcomeA

Ingresso TFP cortesia 3,50€

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Indietro

Io e l’asino mio

7 Ottobre 2020