Incontri e Libri Il “mito” dell’autenticità
7 maggio 2018 acquista biglietti

Il “mito” dell’autenticità

Café philosophique con Matteo Bonazzi

7 maggio 2018
lunedì 7 maggio h 19:00

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Treno Blu

Biglietto TFP cortesia > 3,50€

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

con Matteo Bonazzi

sotto l’Alto Patrocinio di Reale Ambasciata di Norvegia in Italia con il sostegno di Innovation Norvay

in collaborazione con Università degli Studi di Milano | Iperborea
a cura di Associazione Pier Lombardo

In un’epoca come la nostra in cui sembra così difficile orientarsi, avere punti di riferimento, decidere di sé, la questione dell’autenticità torna a essere particolarmente attuale. Vaghiamo nel mondo globalizzato alla continua ricerca di noi stessi, pronti a perderci a ogni passo. In questo infinito gioco di specchi e di maschere, scriviamo sotto pseudonimi, come già insegnava Kierkegaard, o per “non aver più volto”, come voleva Foucault. Ma quando potremo finalmente dire, alla Peer Gynt, «sono stato veramente me stesso»?

Forse è arrivato il momento di provare a pensare come autenticare il nostro dire, piuttosto che continuare a credere nell’illusione di un dire autentico.

In occasione dello spettacolo

Matteo Bonazzi

Matteo Bonazzi, filosofo e psicoanalista, membro di OT/Orbis Tertius dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e partecipante della Scuola Lacaniana di Psicoanalisi, svolge attività di ricerca presso l’Università degli studi di Milano-Bicocca e insegna alla Sezione Clinica dell’Istituto freudiano di Milano. Oltre a vari saggi, è autore di: Il Libro e la scrittura. Tra Hegel e Derrida (Milano, Mimesis, 2004); Scrivere la contingenza. Esperienza, linguaggio, scrittura in Jacques Lacan (Pisa, ETS, 2009); (con F. Carmagnola), Il fantasma della libertà. Inconscio e politica al tempo di Berlusconi, (Milano, Mimesis 2011); El lugar político del inconsciente contemporáneo (Buenos Aires, Grama, 2012); Lacan e le politiche dell’inconscio. Clinica dell’immaginario contemporaneo (Milano, Mimesis 2012); (con D. Tonazzo), Lacan e l’estetica. Lemmi (Milano, Mimesis 2015). Ha curato l’edizione italiana di J. Alemán e S. Larriera, L’inconscio e la voce. Esistenza e tempo tra Lacan e Heidegger, (Milano, et al/Edizioni, 2009); (con M. Barenghi), L’immaginario leghista. L’irruzione delle pulsioni nella politica contemporanea (Macerata, Quodlibet, 2012); per la Scuola Lacaniana di Psicoanalisi, L’inconscio è la politica, Quel che sfugge allo sguardo, Col crimine nasce l’uomo (Mimesis, Milano 2014).

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

7 maggio 2018

acquista biglietti
lunedì 7 maggio h 19:00

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Treno Blu

Biglietto TFP cortesia > 3,50€

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Ti potrebbe interessare

Linus torna bambino

Dal 3 maggio linus è tornato in edicola
30 maggio 2018

Linus è tornato in edicola con un nuovo direttore, una nuova veste grafica, un nuovo concetto editoriale. Intervengono Igort, Elisabetta Sgarbi e Piergaetano Marchetti.

Chiamami col tuo nome

Dal libro al film: dialogo tra André Aciman e Luca Guadagnino
21 giugno 2018

Il romanzo di André Aciman pubblicato da Guanda è diventato un film di successo diretto da Luca Guadagnino, vincitore del Premio Oscar per la miglior sceneggiatura non originale di James Ivory. Coordina Paola Jacobbi.

Dove soffiano i venti selvaggi

Presentazione del libro di Nick Hunt
30 maggio 2018

Libro dell’anno per Spectator Book e per il Financial Times. Un viaggio all’inseguimento di Helm, Bora, Föhn e Maestrale. Dialogano con l’Autore Benedetta Marietti e Andrea Giuliacci.

Italie

Sociologia del plurale
22 maggio 2018

Presentazione del volume di Renato Mannheimer e Giorgio Pacifici, intervengono Massimiliano Cannata, Philippe Daverio, Vera Minazzi e Sergio Scalpelli.