Incontri e Libri Il “mito” dell’autenticità
7 maggio 2018 acquista biglietti

Il “mito” dell’autenticità

Café philosophique con Matteo Bonazzi

7 maggio 2018
lunedì 7 maggio h 19:00

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Treno Blu

Biglietto TFP cortesia > 3,50€

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

con Matteo Bonazzi

sotto l’Alto Patrocinio di Reale Ambasciata di Norvegia in Italia con il sostegno di Innovation Norvay

in collaborazione con Università degli Studi di Milano | Iperborea
a cura di Associazione Pier Lombardo

In un’epoca come la nostra in cui sembra così difficile orientarsi, avere punti di riferimento, decidere di sé, la questione dell’autenticità torna a essere particolarmente attuale. Vaghiamo nel mondo globalizzato alla continua ricerca di noi stessi, pronti a perderci a ogni passo. In questo infinito gioco di specchi e di maschere, scriviamo sotto pseudonimi, come già insegnava Kierkegaard, o per “non aver più volto”, come voleva Foucault. Ma quando potremo finalmente dire, alla Peer Gynt, «sono stato veramente me stesso»?

Forse è arrivato il momento di provare a pensare come autenticare il nostro dire, piuttosto che continuare a credere nell’illusione di un dire autentico.

In occasione dello spettacolo

Matteo Bonazzi

Matteo Bonazzi, filosofo e psicoanalista, membro di OT/Orbis Tertius dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e partecipante della Scuola Lacaniana di Psicoanalisi, svolge attività di ricerca presso l’Università degli studi di Milano-Bicocca e insegna alla Sezione Clinica dell’Istituto freudiano di Milano. Oltre a vari saggi, è autore di: Il Libro e la scrittura. Tra Hegel e Derrida (Milano, Mimesis, 2004); Scrivere la contingenza. Esperienza, linguaggio, scrittura in Jacques Lacan (Pisa, ETS, 2009); (con F. Carmagnola), Il fantasma della libertà. Inconscio e politica al tempo di Berlusconi, (Milano, Mimesis 2011); El lugar político del inconsciente contemporáneo (Buenos Aires, Grama, 2012); Lacan e le politiche dell’inconscio. Clinica dell’immaginario contemporaneo (Milano, Mimesis 2012); (con D. Tonazzo), Lacan e l’estetica. Lemmi (Milano, Mimesis 2015). Ha curato l’edizione italiana di J. Alemán e S. Larriera, L’inconscio e la voce. Esistenza e tempo tra Lacan e Heidegger, (Milano, et al/Edizioni, 2009); (con M. Barenghi), L’immaginario leghista. L’irruzione delle pulsioni nella politica contemporanea (Macerata, Quodlibet, 2012); per la Scuola Lacaniana di Psicoanalisi, L’inconscio è la politica, Quel che sfugge allo sguardo, Col crimine nasce l’uomo (Mimesis, Milano 2014).

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

7 maggio 2018

acquista biglietti
lunedì 7 maggio h 19:00

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Treno Blu

Biglietto TFP cortesia > 3,50€

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Ti potrebbe interessare

Dove soffiano i venti selvaggi

Presentazione del libro di Nick Hunt
30 maggio 2018

Libro dell’anno per Spectator Book e per il Financial Times. Un viaggio all’inseguimento di Helm, Bora, Föhn e Maestrale. Dialogano con l’Autore Silvestro Serra e Andrea Giuliacci.

Italie

Sociologia del plurale
22 maggio 2018

Presentazione del volume di Renato Mannheimer e Giorgio Pacifici, intervengono Massimiliano Cannata, Philippe Daverio, Vera Minazzi e Sergio Scalpelli.

Cosa può fare l’Italia per contare in Europa?

Il modello Milano e il modello Lombardo
31 maggio 2018

Il modello Milano e il modello Lombardo come metodo di lavoro per una nuova agenda del Paese. Incontro con: Attilio Fontana, Gaetano Micciché, Beatrice Trussardi.

Il sogno di Peer secondo Edvard Grieg

Lezione di Emilio Sala
17 maggio 2018

Cosa ci dicono oggi le musiche di Grieg del Peer Gynt ibseniano? E cosa ci dice della musica di Grieg il testo di Ibsen? Emilio Sala s’interroga sul valore delle forme ibride tra teatro e musica.