Teatro I Promessi sposi alla prova
20 Marzo - 7 Aprile 2019 acquista biglietti
20 Marzo - 7 Aprile 2019
© Noemi Ardesi

matinée scolastica | giovedì 21 marzo h 10

mercoledì 20 Marzo h 19:30
giovedì 21 Marzo h 10:00
giovedì 21 Marzo h 20:15
venerdì 22 Marzo h 19:30
sabato 23 Marzo h 19:30
domenica 24 Marzo h 16:15
martedì 26 Marzo h 20:00
mercoledì 27 Marzo h 19:30
giovedì 28 Marzo h 20:15
venerdì 29 Marzo h 19:30
sabato 30 Marzo h 19:30
domenica 31 Marzo h 16:15
martedì 2 Aprile h 20:00
mercoledì 3 Aprile h 19:30
giovedì 4 Aprile h 20:15
venerdì 5 Aprile h 19:30
sabato 6 Aprile h 19:30
domenica 7 Aprile h 16:15

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Grande

Durata 3 ore

Intervallo con consumazione di risotto e vino – disponibilità limitata.

Durata matinée scolastica 2h30′ + intervallo

Prime file
Biglietto unico > 38€ + prev.
Secondo e terzo settore
Intero > 30€ + prev.
Ridotto Over65/under26 >18€ + prev.
Convenzioni* > 21€ + prev.
Quarto settore
Intero > 20€ + prev.
Ridotto Over65/under26 > 15€ + prev.
Convenzioni* > 18€ + prev.

 

NOTA: Ogni sera, escluso la domenica, intervallo con risotto e vino.
Richiesta prenotazione in biglietteria. Disponiblità limitata.
Maggiorazione +8€ /5€ per le scuole).

* le convenzioni sono valide per il II, III e IV settore e per tutti i giorni, esclusi venerdì e sabato.

 

 

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento ClassicQuartetto 3piùUNOOttetto 6piùDUEAbbonAnno 2019Card LIGHT

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

12 Marzo - 17 Marzo
Teatro della Pergola - FIRENZE
19 Marzo - 7 Aprile
Teatro Franco Parenti - MILANO
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di Giovanni Testori
adattamento e regia Andrée Ruth Shammah
con Luca Lazzareschi, Laura Marinoni e con Filippo Lai, Laura Pasetti, Nina Pons, Sebastiano Spada e la partecipazione di Carlina Torta.
scena Gianmaurizio Fercioni
costumi Andrée Ruth Shammah
luci Camilla Piccioni
musiche Michele Tadini e Paolo Ciarchi

aiuto regista Benedetta Frigerio
assistente alla regia Lorenzo Ponte
assistente allo spettacolo Diletta Ferruzzi
direttore dell’allestimento Alberto Accalai
pittore scenografo Santino Croci
assistente scenografa Olivia Fercioni
macchinista Marco Pirola
elettricista Domenico Ferrari
fonico Matteo Simonetta
sarta Caterina Airoldi
costumi scelti dal materiale di sartoria del Teatro curata da Simona Dondoni
scene costruite presso il laboratorio del Teatro Franco Parenti
foto di scena Noemi Ardesi

produzione Teatro Franco Parenti/Fondazione Teatro della Toscana
con il sostegno dell’Associazione Giovanni Testori

Questo è un tempo di inquietudini, di perdita di confini e valori che chiede di tornare indietro per fare il punto, confrontarsi e rimettersi “alla prova”.

Ci sono momenti storici in cui alcuni testi ci sembrano necessari; la prima volta che ho messo in scena I Promessi sposi alla prova con Franco Parenti ne sentivo la necessità e la sento oggi, come e forse più di allora. Per quanto lontano da noi e dallo spirito del nostro tempo, un classico è tale perché capace di risvegliare dubbi ed emozioni proprie a tutti gli esseri umani, in qualsiasi epoca.

Testori ha accolto, tradito o tradotto le parole di Manzoni in una nuova forma che rende contemporanee e facilmente comunicabili verità antiche di cui abbiamo nuovamente bisogno.

Con questo spettacolo, non solo si vuole restituire al pubblico uno dei capisaldi della letteratura italiana e far conoscere e amare la riscrittura di Testori, ma si intende esortare a camminare con una nuova consapevolezza nel nostro tempo e a riscoprire i fondamenti del Teatro, come lo intendo io ancora e sempre di più.

Andrée Ruth Shammah

Certa di un classico, col coraggio che l’ha sempre contraddistinta, Andrée Ruth Shammah ha deciso di riportare sul palcoscenico uno dei capisaldi del rapporto Testori-Teatro Franco Parenti, I Promessi sposi alla prova, rilettura del capolavoro manzoniano. Uno spettacolo curato, evocativa la bella scena di Fercioni, e di bello scavo registico nel viaggio maieutico-testoriano nell’arte del teatro, il mestiere, nella realtà, nella libertà. Viaggio d’insegnamento, che affida al regista/maestro Luca Lazzareschi che, con molta bravura, mostra un volto da fine ragionatore pirandelliano teso nell’intento di togliere il romanzo di Manzoni dalle panie vischiose della scuola e dalla «luce intellettual piena d’amore» dei letterati e precipitarlo nella gente, con la gente di ogni epoca calpestata dai potenti, impossibilitata a essere artefice del proprio destino, e farne vivere, «incarnare» il linguaggio. Testori focalizza alcuni episodi che ben mostrano l’ingiustizia e tra questi la monaca di Monza, una bravissima Laura Marinoni estrema di passione e disperazione, ma ben attenta alla misura, «pilastro nero» sprofondata nel suo nero. Testori e Shammah sono certi che «insegnare, oggi, è ritornato necessario».
Magda Poli - Corriere della Sera
Ho l’impressione che Andrée Ruth Shammah, mettendo in scena di nuovo, dopo decenni, I Promessi sposi alla prova di Giovanni Testori, nel momento della sua vita in cui – come dice Shakespeare – “la maturità è tutto”, abbia voluto fare i conti con se stessa, con i traguardi raggiunti ma anche con quelli che, come capita a tutti, ci sono sfuggiti di mano per un soffio. Sì, mi piace pensare a questo spettacolo come a un bilancio dove ci si voglia fermare, confrontare per capire quale sarà la nuova strada da percorrere.
Maria Grazia Gregori - dalTeatro.it
Una vitalità sorprendente, riservata soltanto ai grandi classici: i testi di Giovanni Testori sono oggi, ad oltre un quarto di secolo dalla scomparsa avvenuta nel 1993, vivi, ardenti anzi, come e forse più che negli anni Sessanta e Settanta del Novecento, che videro la loro più grande fortuna, letteraria, drammaturgica e poetica. Che i testi non siano invecchiati è indubbio: ne I Promessi sposi alla prova con la regia di Andrée Ruth Shammah, che ha anche curato l’adattamento, ogni personaggio sembra preso dall’oggi: non si soffre del passaggio del tempo, in nessuna fase dello spettacolo, che pure dura oltre tre ore, ma anzi si gode di una leggerezza, di una inaspettata freschezza rare oggi da ritrovare sui palcoscenici.
Stefania Vitulli - Il Giornale
La regia di Andrée Ruth Shammah punta con molta intelligenza, più che sul teatro nel teatro, sul teatro che esce dal teatro per diventare incontro. Ciò che distingue questo spettacolo, e gli dona un’aura preziosa e toccante, è il fatto d’essere stato pensato per i giovani.
Enrico Fiore - Controscena
  • 1 di 12. © Noemi Ardesi
  • 2 di 12. © Noemi Ardesi
  • 3 di 12. © Noemi Ardesi
  • 4 di 12. © Noemi Ardesi
  • 5 di 12. © Noemi Ardesi
  • 6 di 12. © Noemi Ardesi
  • 7 di 12. © Noemi Ardesi
  • 8 di 12. © Noemi Ardesi
  • 9 di 12. © Noemi Ardesi
  • 10 di 12. © Noemi Ardesi
  • 11 di 12. © Noemi Ardesi
  • 12 di 12. © Noemi Ardesi
La regia memorabile di Andrée Ruth Shammah utilizza l'unità di luogo per far vivere a pochi metri di distanza, anche con sfumature irresistibili di ironia, la casupola di Agnese e Lucia e il Castello di Don Rodrigo. Vediamo, letteralmente, attraverso i semplici sortilegi degli attori, le profondità dell'Adda, i pizzi del Duomo di Milano, la meraviglia e lo smarrimento [...].


Via, per l'alto mare aperto, braccati da editti e mandati di cattura, dall'ira pusillanime di un parroco, dalla foia altezzosa di un signorotto locale, da una parte all'altra della Lombardia, Milano, Monza, fino a Venezia, mentre la precarietà dell'esistenza si fa materia pulsante nel corpo degli attori chiamati a rappresentare I Promessi Sposi proprio a Lecco. Uno alla volta entrano nella grande sala prove, chiara e disadorna, stretti in cappottini e cappellini, in maglioni e montgomery, soffiandosi sulle mani per il freddo, ciascuno pronto a contestare e ascoltare il regista, il Maestro, e insieme a lui la storia raccontata da Manzoni, a interpretarla, reinventarla [...].


La storia, anzi le storie, quella di Manzoni e la rivisitazione di Testori, ci travolgono come se fossimo piccoli sassi abbandonati all'impeto di rumorosa frana.
Lucia Tempestini - Scénario

Non è mai un affronto quello di Testori verso Manzoni; è la libertà che un figlio si prende rispetto a chi sente come padre.

Giuseppe Frangi, Associazione Giovanni Testori

Lo spettacolo rientra nel percorso Progetto Testori che prevede

Incontri di approfondimento
Laboratorio di drammaturgia condotto da Angela Dematté
Rassegna stampa
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

20 Marzo - 7 Aprile 2019

acquista biglietti

matinée scolastica | giovedì 21 marzo h 10

mercoledì 20 Marzo h 19:30
giovedì 21 Marzo h 10:00
giovedì 21 Marzo h 20:15
venerdì 22 Marzo h 19:30
sabato 23 Marzo h 19:30
domenica 24 Marzo h 16:15
martedì 26 Marzo h 20:00
mercoledì 27 Marzo h 19:30
giovedì 28 Marzo h 20:15
venerdì 29 Marzo h 19:30
sabato 30 Marzo h 19:30
domenica 31 Marzo h 16:15
martedì 2 Aprile h 20:00
mercoledì 3 Aprile h 19:30
giovedì 4 Aprile h 20:15
venerdì 5 Aprile h 19:30
sabato 6 Aprile h 19:30
domenica 7 Aprile h 16:15

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala Grande

Durata 3 ore

Intervallo con consumazione di risotto e vino – disponibilità limitata.

Durata matinée scolastica 2h30′ + intervallo

Prime file
Biglietto unico > 38€ + prev.
Secondo e terzo settore
Intero > 30€ + prev.
Ridotto Over65/under26 >18€ + prev.
Convenzioni* > 21€ + prev.
Quarto settore
Intero > 20€ + prev.
Ridotto Over65/under26 > 15€ + prev.
Convenzioni* > 18€ + prev.

 

NOTA: Ogni sera, escluso la domenica, intervallo con risotto e vino.
Richiesta prenotazione in biglietteria. Disponiblità limitata.
Maggiorazione +8€ /5€ per le scuole).

* le convenzioni sono valide per il II, III e IV settore e per tutti i giorni, esclusi venerdì e sabato.

 

 

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento ClassicQuartetto 3piùUNOOttetto 6piùDUEAbbonAnno 2019Card LIGHT

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

12 Marzo - 17 Marzo
Teatro della Pergola - FIRENZE
19 Marzo - 7 Aprile
Teatro Franco Parenti - MILANO
Ti potrebbe interessare

Lezione L’arte a piena pagina

Gli scritti d’arte di Giovanni Testori:
da Gaudenzio Ferrari a Ennio Morlotti
7 Aprile 2019

Salvo Germano legge alcuni capitoli fondamentali dalle pagine d’arte di Testori, dedicate a Gaudenzio Ferrari, Fra Galgario, Giacomo Ceruti, Ennio Morlotti, in cui ben si riconosce la forza plastica di una scrittura che ha nell’occhio il suo uncino, il suo punto di cattura. A cura di Davide Dall’Ombra.

Lino Guanciale legge le poesie d’amore di Giovanni Testori

18 Marzo 2019

Una raccolta molto intimista, in cui lo scrittore lombardo si misura con l’ amore come sentimento totalizzante e incondizionato. Amore degli uomini e delle donne, carnale ma anche immortale.

Alla prova de I promessi sposi

Adotta un personaggio e riscrivi la storia dal suo punto di vista
da febbraio ad aprile

Un laboratorio di ri-scrittura creativa della storia e dei personaggi del grande classiso manzoniano. Per le classi della scuola secondaria di secondo grado.

Laboratorio di drammaturgia: Ri-scrivere come Testori

condotto da Angela Dematté
18 febbraio - 31 marzo 2019

In occasione della messa in scena de La Monaca di Monza e de I Promessi sposi alla prova, un progetto di scrittura teatrale a partire dal lavoro del maestro Giovanni Testori, condotto da Angela Demattè.