Teatro Buon anno, ragazzi.
2 - 21 ottobre 2018

Buon anno, ragazzi.

2 - 21 ottobre 2018
Foto di copertina: Buon anno, ragazzi
Buon anno, ragazzi.
martedì 2 ottobre

Sala AcomeA

Durata 90 minuti

intero: platea 30€; galleria 23,50€
convenzioni > 21€
over 65/ under 26 > 18€
+ diritti di prevendita

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento AbbonAnno 2018

di Francesco Brandi
con (in o.a.)
Sebastiano Bottari , Francesco Brandi, Miro Landoni, Daniela Piperno, Sara Putignano
regia Raphael Tobia Vogel
scene Francesca Pedrotti e Alice De Bortoli
luci Luigi Biondi
musiche Andrea Farri
assistente alla regia Beatrice Cazzaro
direttore dell’allestimento Lorenzo Giuggioli
macchinista Riccardo Scanarotti
elettricista/fonico Davide Marletta
sarta Caterina Airoldi
amministratrice di compagnia Caterina Floramo
scene costruite presso il laboratorio del Teatro Franco Parenti
costumi realizzati presso la sartoria del Teatro Franco Parenti diretta da Simona Dondoni

produzione Teatro Franco Parenti

Perché dobbiamo aspettare che ci crolli tutto addosso per diventare migliori? Prosegue e si rafforza l’intesa tra la penna di Francesco Brandi e l’estro visivo del regista Raphael Tobia Vogel. Dopo Per strada, definito dalla critica come un vero e proprio gioiello di drammaturgia contemporanea, è la volta di Buon anno, ragazzi, una commedia esilarante sull’incapacità di esprimere i nostri sentimenti, di utilizzare un vocabolario leale e perché no, dolce, con le persone che ci sono più vicine.
Il testo di Brandi evoca l’errore umano di pensare che il male, di qualsiasi natura esso sia, capiti sempre agli altri. Il protagonista, Giacomo, è un insegnante di filosofia, scrittore precario, compagno e padre ancora più precario, che si trova a passare da solo, per sua scelta, la notte di Capodanno.
A poco a poco però questa solitudine svanisce e la sua casa si riempirà di persone che, invece, per un motivo o per un altro, consapevolmente o inconsapevolmente, hanno bisogno di lui.

  • 1 di 4. ©Luca Del Pia
  • 2 di 4. ©Luca Del Pia
  • 3 di 4. ©Luca Del Pia
  • 4 di 4. ©Luca Del Pia
Il testo di Francesco Brandi funziona molto nelle battute e nei dialoghi, si vede che ha imparato molto bene la lezione della drammaturgia anglosassone, e della situation comedy americana alla Woody Allen dove tutto cospira per provare simpatia per il protagonista "mediocre" e per quel suo modo di vivere ironico e irrealistico.
la Repubblica
È un'operazione difficile, costruita con coraggio, che la regia di Raphael Tobia Vogel riesce a portare a termine con spunti interessanti. Gli attori, tutti bravi (spassosissimi i genitori recitati da Miro Landoni e Daniela Piperno), divertono il pubblico in uno spettacolo che merita di essere visto.
Sipario.it
Il sodalizio Brandi-Vogel, chiamato alla verifica dopo l’interessante Per strada, esordio di un anno e mezzo fa, supera con questo lavoro la prova di maturità.
KLP – Krapp’s Last Post

Raphael Tobia Vogel

Videomaker autore di cortometraggi cinematografici, ha lavorato come assistente regista per il cinema e la televisione con registi come Pupi Avati (in 4 produzioni tra cui film e fiction) e Gabriele Salvatores.

Il testo funziona, è arguto, divertente. Spiazza. Se il teatro sa fare della sorpresa la sua arma vincente, questa sorpresa è davvero ben calibrata da Brandi e valorizzata dalla regia agile di Vogel.
dramma.it

Francesco Brandi

Francesco Brandi, classe 1982, un diploma al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, ha recitato sotto la direzione di Giancarlo Giannini, e ha collaborato, tra gli altri, con alcuni dei più importanti registi del cinema italiano come Nanni Moretti, Paolo Virzì e Pupi Avati.

Brandi ci ripaga con la moneta più pesante e "legittima": quella della verità sbattuta in faccia. Puoi sentirti talentuoso quanto vuoi, ma se la vita vuol fartela pagare il conto te lo presenta salato. Eccome.
Cultweek.it
Oltre a Francesco Brandi, che è anche sulla scena, i bravissimi Miro Landoni, Daniela Piperno e Sara Putignano con la loro recitazione fanno dimenticare che ci troviamo davanti a un gruppo di attori, dandoci l’illusione di assistere a scene di vita quotidiana spiando dal buco della serratura. La regia di Raphael Tobia Vogel è brillante ed efficace.
Teatrionline.it
Download
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

2 - 21 ottobre 2018

martedì 2 ottobre

Sala AcomeA

Durata 90 minuti

intero: platea 30€; galleria 23,50€
convenzioni > 21€
over 65/ under 26 > 18€
+ diritti di prevendita

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento AbbonAnno 2018