30 Settembre - 2 Ottobre 2020
mercoledì 30 Settembre h 19:15
giovedì 1 Ottobre h 20:00
venerdì 2 Ottobre h 20:30

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala AcomeA
55 minuti

I settore> intero 22€;
II settore > intero 18€; under26/over65 15€; convenzioni 15€
III settore e galleria > intero 13,50€; under26/over65 10€; convenzioni 10€
_________________________

Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_________________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Card Campo ApertoAbbonamento liberoPassepartoutCard libera

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

uno spettacolo di e con Alessandro Berti
cura Gaia Raffiotta
fotografie Daniela Neri

produzione Casavuota
con il sostegno di Gender bender festival
e l’aiuto di Teatro Comunale Laura Betti – Barfly il teatro fuori luogo – Opera prima festival – ogni casa è un teatro

Berti colpisce nel segno, regalandoci un’ora preziosa
che apre e dilata più di una questione
in questi tempi (mai finiti) di segregazione razziale.

M. Giovannelli, M. Marino, E. Piergiacomi, F. Saturnino - La Risorgenza dei Festival, Doppiozero

Cosa lega l’immagine di un militante Black Panther degli anni ’60, di un rapper di Harlem degli anni ’90 e di un pornoattore afroamericano del 2020?

Black Dick ripercorre la storia dell’uso del corpo del maschio nero da parte della società bianca americana, dalle colonie ai trionfi nello sport, dallo schiavismo ai linciaggi, dalla musica alla pornografia. Virando tra conferenza, confessione, stand up comedy, narrazione sarcastica e concerto, lo spettacolo decostruisce lo stereotipo di maschio nero per come il porno lo propone e con l’aiuto di grandi maestri come Bell Hooks, Cornel West e James Baldwin, si inoltra in una riflessione sul concetto di appropriazione culturale, sul senso di un impegno condiviso tra bianchi e neri, sulla necessità di una lotta comune per l’uguaglianza.

Il tono “naturale”, normale, da conversazione, si sgretola sotto le domande, sotto le destrutturazioni e gli slittamenti, aprendo strade all’immedesimazione in pezzi più teatrali e cantati. Ed è proprio in questi pezzi che sta il segreto che fa di questa conferenza sul fantasma sessuale del nero un vero grande spettacolo capolavoro.
M. Marino - Doppiozero

Alessandro Berti è attore, regista e drammaturgo. Dopo la scuola del Teatro di Genova fonda L’Impasto Comunità Teatrale (1996-2004) per cui scrive e dirige tutti gli spettacoli, tra cui ricordiamo Skankrer (1996, prodotto dal Teatro di Leo), Terra di burro (1997, Santarcangelo Festival), Trionfo anonimo (2000, CRT Milano), L’agenda di Seattle (2001, Oriente Occidente / Teatro Comunale Ferrara) Il quartiere (2002, Fondazione Orestiadi Gibellina). Dal 2003 al 2007 dirige a Udine la Scuola popolare di teatro e il progetto Arte/società/follia, in collaborazione con il CSS, il Centro Balducci di Zugliano e il DSM locale. Dal 2006 inizia una sperimentazione sul monologo come veicolo privilegiato di comunicazione col pubblico. Frutti di questa stagione sono Confine (2006, Santarcangelo Festival), L’abbandono (2009, CSS Udine), Combattimento spirituale davanti a una cucina Ikea, (2011, vincitore del premio I Teatri Del Sacro), Meister eckhart (2013), Un cristiano (2014). Con Leila della tempesta (2016), dialogo sulla relazione tra sharìa islamica e costituzione italiana, il lavoro di Berti approfondisce l’aspetto sociale, politico, storico, come conferma anche il nuovo progetto, la trilogia Bugie bianche, il cui primo capitolo, Black Dick (2018) tratta la storia dell’immagine del maschio nero in occidente e il secondo capitolo, Negri senza memoria (2020) il rapporto tra italoamericani e afromericani.

  • 1 di 4. @ Daniela Neri
  • 2 di 4. @ Daniela Neri
  • 3 di 4. @ Daniela Neri
  • 4 di 4. @ Daniela Neri
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

30 Settembre - 2 Ottobre 2020

acquista biglietti
mercoledì 30 Settembre h 19:15
giovedì 1 Ottobre h 20:00
venerdì 2 Ottobre h 20:30

Lo spettacolo è terminato per questa stagione. Visita la pagina Cartellone per vedere cosa è in scena al Parenti.

Sala AcomeA
55 minuti

I settore> intero 22€;
II settore > intero 18€; under26/over65 15€; convenzioni 15€
III settore e galleria > intero 13,50€; under26/over65 10€; convenzioni 10€
_________________________

Tutti i prezzi sono da intendersi + prevendita
_________________________

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Card Campo ApertoAbbonamento liberoPassepartoutCard libera

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Indietro

Black Dick

30 Settembre - 2 Ottobre 2020
Ti potrebbe interessare

Pandora

9 - 13 Dicembre 2020

Dopo il debutto alla Biennale di Venezia 2020, torna in casa Parenti la compagnia del Teatro dei Gordi che, guidati dal regista Riccardo Pippa, continua l’indagine su una forma teatrale che si affida al gesto, ai corpi con e senza maschere, a una parola-suono scarna e essenziale che supera le barriere linguistiche.

Un poyo rojo

15 - 18 Giugno 2020

Uno de los 10 mejores espectáculos del año en Argentina. Nello spogliatoio di una palestra, due uomini si scrutano, si squadrano, si provocano, si affrontano – quasi come due galli da combattimento – tentando di sedursi.

Il filo invisibile

SPETTACOLO ONLINE SU ZOOM
26 Ottobre - 18 Dicembre 2020

Ventisei spettatori per uno spettacolo online che fonde illusionismo, teatro e filosofia con l’obbiettivo di raccontare e ricreare cinque storie che sfidano l’impossibile.

La fine del mondo

SPETTACOLO ANNULLATO
27 Novembre - 3 Dicembre 2020

In una Venezia contemporanea e avveniristica, nel suo ultimo giorno prima dell’affondamento, la vicenda di quattro ragazzi si fa metafora della fine del mondo. Di Fabrizio Sinisi, regia Claudio Autelli.