Incontri e Libri Banalità.
Luoghi comuni, social network e semiotica
25 Marzo 2019 acquista biglietti

Banalità.
Luoghi comuni, social network e semiotica

Presentazione del libro di Stefano Bartezzaghi

25 Marzo 2019
lunedì 25 Marzo h 19:00

Café Rouge

Ingresso TFP cortesia 3,50€

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Presentazione del libro di Stefano Bartezzaghi
Banalità. Luoghi comuni, semiotica e social network, edito da Bompiani

Sara Chiappori dialoga con l’autore

La banalità contemporanea non è tutta nei social network, né è banale tutto ciò che è nei social network: essi costituiscono però senza dubbio un buon campo per la sua osservazione.

La banalità è il nostro nuovo demone. È da quest’ultima che vogliamo rifuggire, come dalla noia, ma è questa stessa fuga a renderci sempre più banali (e noiosi, e annoiati). Per i luoghi comuni proviamo esplicite repulsioni e recondite attrazioni, la nostra idea di successo è che tutti notino come siamo bravi a svincolarci, almeno momentaneamente, da essi. In queste pagine Bartezzaghi si arrischia a seguire due convinzioni. La prima è che abbiamo sbagliato spauracchio e che convenga invece cercare di “avere un buon rapporto” (come oggi si dice) con la banalità, nostra e altrui. Come accade con le persone, per “avere un buon rapporto” con qualcuno occorre guardarlo in faccia, conoscerlo, rivolgersi a lui con schiettezza. Dobbiamo farci amica la banalità. La seconda convinzione è che i social network oggi sono un ambiente particolarmente adatto a farcela guardare in faccia e a conoscerla.

Stefano Bartezzaghi è docente di Semiotica e di Teorie della Creatività; collabora con la Repubblica e dirige Il senso del ridicolo, festival di Livorno sull’umorismo. Ha pubblicato diverse raccolte di giochi linguistici, enigmistici e letterari, e ha scritto la prima storia del cruciverba, L’orizzonte verticale (2007). Ha curato e commentato la nuova edizione degli Esercizi di stile di Raymond Queneau nella classica traduzione di Umberto Eco (2001). Da Bompiani ha pubblicato Parole in gioco (2017).

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

25 Marzo 2019

acquista biglietti
lunedì 25 Marzo h 19:00

Café Rouge

Ingresso TFP cortesia 3,50€

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it