17 Border Crossings

3 - 6 Marzo 2020

Spettacolo in lingua inglese

martedì 3 Marzo h 20:00
mercoledì 4 Marzo h 19:45
giovedì 5 Marzo h 21:00
venerdì 6 Marzo h 20:00

Sala Grande

1 ora e 30 minuti

I settore > intero 38€
II, III > intero 30€; under26/over65 18€; convenzioni 21€
IV settore > intero 21€; under26 13€; over65 15€; convenzioni 21€

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento LiberoPassepartoutAbbonamento ClassicoCard ACard B

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di e con Thaddeus Phillips

produzione Show Bees

"17 valichi di frontiera", cult dell’Off Broadway, “piccolo capolavoro, colto, divertente e incredibilmente acuto” arriva a Milano dopo una intensa tournée internazionale.

Thaddeus Phillips ci porta attraverso diciassette confini del mondo – dall’Ungheria alla Serbia, dal Marocco alla Colombia, dall’Olanda alla Francia, da Singapore a Bali – in aereo, treno, barca, tunnel, autobus, moto e sulle proprie gambe. E con lui incontriamo chi questi confini li travalica, li difende, li vive: rifugiati, uomini d’affari o in uniforme, mercenari, mistici… tutta la gente, onesta e corrotta, intelligente e stupida. E così conosciamo la famiglia di Gaza che agevola l’ingresso dall’Egitto di Kentucky Fried Chicken di contrabbando o il funzionario cubano che timbra i passaporti con trenini per evitare che gli americani sappiano del tuo passaggio a Cuba. Entriamo nei bordelli di Amsterdam, spiamo i carrelli degli aeroporti intercontinentali, viaggiamo sulle strade secondarie delle città fluviali dell’Amazzonia.

Storie avvincenti e convincenti. Quante vere non si sa. Ma potrebbero esserlo tutte.

Phillips imposta queste storie come miracolo di artigianato teatrale. Una pièce lucida sull’assurda e aberrante natura dei confini, luoghi in cui si snodano le politiche di immigrazione, riflesso dell’immagine di sé di ogni nazione.

The Times

Theater director Thaddeus Phillips (Red-Eye to Havre de Grace, NYTW) steps onstage to create a lucid, visual and aural theatrical trip across 17 of the world’s borders. From Bosnia to Syria to Switzerland to Israel to Canada to Mexico, 17 Border Crossings playfully examines the imaginary lines we create and the funny and tragic consequences of trying to cross them. With almost nothing onstage, Phillips magically conjures a rusty Croatian ferry, modern international flights, obscure ports in the Amazon, the El Paso/Juarez border, deportations, strip searches, illegal crossings and conundrums in border geography. 17 Border Crossings makes its Italian premiere in Milan after selling out in Moscow, Hong Kong, Bucharest, Boston, & Perth and touring to over 25 cities across the globe.

The polished piece is wise about the absurd, haphazard nature of borders and the ways in which a country’s immigration policy is a reflection of that nation’s self-image – The Times

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

3 - 6 Marzo 2020

acquista biglietti

Spettacolo in lingua inglese

martedì 3 Marzo h 20:00
mercoledì 4 Marzo h 19:45
giovedì 5 Marzo h 21:00
venerdì 6 Marzo h 20:00

Sala Grande

1 ora e 30 minuti

I settore > intero 38€
II, III > intero 30€; under26/over65 18€; convenzioni 21€
IV settore > intero 21€; under26 13€; over65 15€; convenzioni 21€

Questo spettacolo è inserito nell’abbonamento Abbonamento LiberoPassepartoutAbbonamento ClassicoCard ACard B

Biglietteria
via Pier Lombardo 14
02 59995206
biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Indietro

Spettacolo in lingua inglese

17 Border Crossings

3 - 6 Marzo 2020
Ti potrebbe interessare

Mothers, Three

(Israele)
20 - 22 Marzo 2020

Come scorrono i giorni di coloro che vivono con l’attesa latente di una sirena o della notizia nefasta dal fronte? Uno spettacolo nato da una serie di interviste a madri israeliane i cui figli hanno combattuto al fronte e sono tornati a casa sani e salvi.

Un poyo rojo

(Argentina)
9 - 12 Giugno 2020

Uno de los 10 mejores espectáculos del año en Argentina. Nello spogliatoio di una palestra, due uomini si scrutano, si squadrano, si provocano, si affrontano – quasi come due galli da combattimento – tentando di sedursi.