Donatori Teatro Franco Parenti

Recuperi il 65% della donazione

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Il  Teatro Franco Parenti con i Bagni Misteriosi sono un modello unico di integrazione fra cultura, sport, benessere e natura. Il recupero dell’unità di un quartiere storico con teatro/piscine/spazi all’aperto corrisponde al bisogno di ricomposizione di corpo, emozione, arte e pensiero in un unico insieme. Un’opera resa possibile dalla condivisione collettiva dello spirito che da sempre anima Andrée Ruth Shammah e il teatro da lei fondato e diretto: “Fare teatro è un atto d’immaginazione, una spinta che porta a uscire dai sentieri battuti”. È questo spirito che chiediamo ora di condividere sulle attività del teatro, Cooperativa di Impresa Sociale, riconosciuto di Rilevante Interesse Culturale.

 

Sostenere le attività del Teatro Franco Parenti vuol dire difendere la qualità, frutto della spinta a mettersi in gioco. È partecipare a una sfida.

 

 

Le attività del Teatro

Vivo, aperto, in movimento fra tradizione e ricerca, il Parenti è uno dei riferimenti più solidi e innovativi in Italia. Laboratorio creativo di produzione, mescola culture e linguaggi, dalla parola al corpo, all’immagine, alla musica. Agorà di incontro, accoglie la città per innumerevoli appuntamenti sulla memoria e il presente. In scena maestri, artisti riconosciuti e giovani talenti si mettono in gioco oltre gli schemi del nuovo a tutti i costi e del prodotto ben confezionato. Il pubblico non cerca la fruizione ma abita il teatro come luogo che cambia la percezione del mondo e che è prima di tutto “incontro umano” come è scritto nel manifesto della sua nascita nel ‘72. Incontro di artisti la cui ricerca è assecondata dallo spazio, un palcoscenico continuo modulato nella diversa dimensione delle sale dove evolvono spettacoli che contribuiscono nei fatti a far crescere e diventare grandi i nuovi talenti. Le storie di Filippo Timi, Sonia Bergamasco e poi Rosario Lisma, Fabio Cherstich, Francesco Brandi e il giovane Raphael Tobia Vogel ne sono testimonianza.

Da quando Giovanni Testori inventò una lingua perché lei e Franco Parenti le dessero corpo, Andrée Ruth Shammah con intelligenza, leggerezza, lucidità, nelle sue regie sprigiona energie rompendo gli schemi, dando visibilità e portando al successo autori contemporanei italiani come Sgorbani, Trevisan, Tarantino, Cavosi e internazionali come Levin e Diament o giovani compagnie in interpretazioni inedite di Goldoni, Ibsen, Moliére che costituiscono altrettante sfide vinte per attori come Gioele Dix, Filippo Timi, Marina Rocco, Anna Della Rosa. Esplorazioni, crocevia e confronto di culture, i progetti speciali richiedono un grande sforzo produttivo,sono centrati sull’innovazione e l’internazionalità con focus sulla scena contemporanea, la danza, le performing arts e capolavori di registi come Nekrosius e Hermanis.

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi