il Giorno – i tormenti del giovane Raskolnikov

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Portare in scena «Delitto e Castigo». La sola idea toglierebbe il sonno a drammaturghi e registi. Eppure ciclicamente qualche coraggioso si lancia all’avventura. A volte con esiti straordinari, come nel 2010 Gaetano Ventriglia e Silvia Garbuggino al Napoli Teatro Festival Italia: sei ore di lavoro itinerante per i Quartieri Spagnoli. Un’esperienza umana, ancor prima che artistica. Più classico l’approccio di Alberto Oliva, habitué delle pagine dostoevskijane. Da stasera al Franco Parenti, il suo «Delitto e Castigo»è un adattamento firmato con Mino Manni, anche in scena insieme a Marco Balbi, Francesco Brandi, Maria Eugenia D’Aquino, Massimo Loreto, Sara Marconi, Giulia Merelli, Camilla Sandri e Riccardo Sinibaldi. Impegno produttivo non indifferente per il Pier Lombardo. Per dar vita in maniera corale a questo affresco esistenziale che gira intorno alla febbricitante
parabola del buon Rodiòn Romànovič Raskolnikov.

Lo spettacolo
Delitto e castigo
16 febbraio - 4 marzo 2018
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi