il Giornale – Dostoevskij diventa teatro «Il giocatore» come è oggi

Scena sul palco con 6 attori

Basta comprare un gratta e vinci, o buttare soldi in una slot-machine del bar più fetido della città, perché venga in mente Fëdor Dostoevskij. Nessuno come lui ha descritto che cosa significhi scommettere, fino a perdere il senno, su una pallina che gira nella roulette, su una carta pescata a caso, su un numero che forse farà la nostra fortuna o ci porterà alla rovina. Il giocatore, romanzo che Dostoevskij dettò in 28 giorni alla futura moglie Anna (venne pubblicato nel 1866), era una scommessa: non fosse riuscito a scriverlo, l’autore avrebbe perso, stritolato dai debiti, i diritti su tutti i suoi libri.

Lo spettacolo
Il giocatore
30 gennaio - 4 febbraio 2018
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi