Con il tuo voucher puoi…

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Cara spettatrice, caro spettatore,

come sai l’emergenza sanitaria ci ha colpiti a febbraio, da subito e duramente. Durante il lockdown siamo stati utili a tanti con contenuti gratuiti online visti da 60.000 spettatori per più 45.000 ore di visione. Appena è stato possibile, il 16 giugno, abbiamo sentito la responsabilità di riaprire, in una città completamente disorientata con spettacoli pensati ad hoc perché le persone potessero immaginare un futuro dopo il lockdown. Abbiamo investito nella sicurezza delle sale, degli spazi esterni, delle piazze nei primi comuni dichiarati zona rossa dove siamo stati in tour: il teatro ha unito nell’emozione, fisicamente insieme, decine di migliaia di persone in un rito collettivo.

“Il Parenti ha svolto una funzione essenziale insegnandoci con coraggio a ristabilire quel principio di reciproca fiducia che deve esistere fra palcoscenico e pubblico”. Queste le parole dell’Assessore alla Cultura di Milano Filippo Del Corno il 20 ottobre, durante la presentazione della nuova stagione 2020/21 intitolata Ma il teatro c’è. Il teatro c’è, nonostante tutto. “Un fittissimo cartellone di appuntamenti che dichiara il Parenti uno dei poli più attivi e sicuri della città”ha scritto il Corriere della Sera.

Solo quattro giorni dopo, con il Dpcm del 24 ottobre abbiamo dovuto richiudere. La ricaduta è pesante, in termini di risorse e lavoro. Ma resistiamo e ti chiediamo di essere con noi e di sostenerci trasformando il tuo voucher in una donazione di cui recuperi il 65% come credito d’imposta.*

A titolo d’esempio:
un voucher da 33€ convertito in donazione ha un costo effettivo di 11,55€

Credito d’imposta di 21,45€ restituito in sole 3 quote annuali di pari importo

Il tuo gesto, moltiplicato per tutti gli spettatori che vorranno aderire, sarà per noi molto significativo. Un aiuto concreto, un gesto d’affetto di cui abbiamo bisogno, motore di quello che faremo in questo periodo e della ripartenza. Ancora una volta insieme.

Sul nostro sito abbiamo dedicato una pagina di ringraziamento con i nomi e messaggi di chi vorrà sostenerci.
Ci auguriamo che ci sia anche tu. Ma il teatro c’è. E tu?

Grazie di cuore per quello che vorrai fare.

Teatro Franco Parenti

 

_________________

Trasformare il tuo voucher in donazione è semplice

  1. COPIA I DATI DEL TUO VOUCHER E COMPILA IL FORM COMPLETO DEI TUOI DATI FISCALI CON IL PULSANTE “DONA”.
  2. ENTRO 30 GIORNI TI INVIAMO L’ATTESTAZIONE DELLA DONAZIONE CHE ABBIAMO REGISTRATO SUL SITO ART BONUS.
  3. CONSERVA L’ATTESTAZIONE. È IL DOCUMENTO FISCALMENTE VALIDO DA ALLEGARE ALLA PROSSIMA DICHIARAZIONE DEI REDDITI PER RECUPERARE IL 65% DEL VOUCHER CHE CI HAI DONATO.
_________________

    * campi obbligatori


    INDICAZIONI PER LA CONVERSIONE IN DONAZIONE, TRAMITE ART BONUS:
    A seguito della nota dell’Agenzia delle entrate n.0258159 del 09-07-2020 è possibile convertire in donazione l'importo relativo a biglietti acquistati e non usufruiti a causa dell'emergenza sanitaria Covid-19, tramite l'Art Bonus, usufruendo del credito d’imposta pari al 65% dell’importo pagato.
    Questo significa che al momento della dichiarazione dei redditi, grazie all’Art Bonus, sarà possibile detrarre la donazione e recuperare il 65% sotto forma di credito di imposta, in tre quote di pari importo distribuite nell’arco di tre anni.
    Scegliendo questa modalità vi verrà rilasciata da parte del Teatro Franco Parenti apposita attestazione a fini fiscali della donazione, nella quale saranno indicati tutti gli elementi necessari per riconoscere ed individuare - nell’importo e nella causale - l’erogazione liberale a sostegno del nostro ente, così come previsto dalla norma Art Bonus art. 1 d.l. n. 83/2014 e s.m.i.

    Con questo invio confermi di rinunciare all'utilizzo del tuo voucher presso il Teatro Franco Parenti e di volerlo convertire in donazione Art Bonus, usufruendo del credito d’imposta pari al 65% dell’importo donato.

    Grazie di cuore.
    Teatro Franco Parenti

    Restiamo in contatto
    newsletter

    Condividi
    Restiamo in contatto
    newsletter

    Condividi