Il Teatro e i Bagni Misteriosi

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Il Teatro Franco Parenti indica una via e dà un'immagine confortante del teatro come snodo di interessi e curiosità, cuore pulsante della vita metropolitana.
Renato Palazzi, Il Sole 24 Ore

Fondato nel 1972 e diretto da Andrée Ruth Shammah, il Teatro Franco Parenti è uno dei riferimenti più solidi e innovativi in Italia, vivo, aperto, in costante evoluzione fra tradizione, ricerca e innovazione. È un laboratorio creativo di produzione con maestri, talenti, progetti internazionali, che mescola culture e linguaggi, dalla parola al corpo, all’immagine, alla musica.  Il pubblico non cerca la semplice fruizione ma condivide e abita il teatro come luogo che cambia la percezione del mondo.

Tutti ne parlano, il Parenti è diventato "the place to be".
la Repubblica

Dal 1996, grazie al contributo dei privati riuniti nella Fondazione Pier Lombardo, è iniziata l’opera di recupero dell’intero quartiere di 15.000 mq compreso fra le vie Pier Lombardo, Botta e Vasari, originario degli anni ’30, comprendente la sede del Teatro (5.400 mq) e il Centro Balneare Caimi (9.600 mq) con 2 piscine e una Palazzina, oltre a un giardino e un campo da tennis.

Nel 2008 la sede del Teatro è stata riaperta magnificamente rinnovata da Michele De Lucchi con la direzione artistica di Andrée Ruth Shammah e interventi scenografici di Gian Maurizio Fercioni.

Nel 2016, a costo zero per il Comune di Milano che ne è il proprietario, le piscine, gioiello architettonico tutelato dalle Belle Arti, sono state salvate dal degrado, riqualificate e riaperte con il nome di Bagni Misteriosi.
I Bagni Misteriosi hanno vinto il Premio Vivaio Awards come migliore novità dell’anno e il Premio Cultura+Impresa.

I Bagni Misteriosi: uno spettacolo di piscina. Ci voleva la follia visionaria di Andrée Ruth Shammah per immaginare che al Franco Parenti il palcoscenico da solido potesse farsi liquido. Eppure, in via Pier Lombardo, si inaugura l’unico teatro al mondo con piscina.
Corriere della Sera

Al recupero dell’unità del quartiere, che si sta ricomponendo intorno al Teatro, corrispondono nuove forme di aggregazione sociale, pratiche e stili di vita che superano le convenzionali separazioni fra cultura, sport, benessere e natura.

L’acqua in estate è per nuotare e rilassarsi ma è anche per i concerti galleggianti e si trasforma in ghiaccio per pattinare d’inverno, mentre le cabine diventano gallerie per mostre e workshop. Intorno alle piscine ci si ritrova per aperitivi e pranzi all’aria aperta e in primavera per giochi di squadra, boxe e bici galleggianti.
I bambini dei campus giocano sul palcoscenico e in una sala della Palazzina abbiamo aperto una biblioteca con prestito e bookcrossing.

Si alza il sipario sul teatro più bello del mondo. Un magnifico palcoscenico all’aperto: uno spazio per il corpo e l’anima. Uno dei centri polifunzionali più originali, non solo d’Italia.
Famiglia Cristiana

Migliaia di cittadini vogliono esserci in prima persona e partecipare a un progetto che migliora la città recuperandone memoria e identità, valori fondanti per il territorio e allo stesso tempo emblematico della capacità innovativa di Milano.
Il pubblico e i cittadini confluiscono in diverse community che testimoniano amicizia e appartenza, sono presenti, sostengono, si esprimono, incoraggiano attraverso i social.

La riqualificazione, completata anche per il campo da Tennis e l’ampliamento del verde in via Botta,  prosegue ora con gli interni della Palazzina, anch’essa tutelata dalla Sovrintendenza e il recupero del giardino di Largo Franco Parenti.

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi