Dedica una poltrona

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Dedica una poltrona

Dare il nome a una poltrona è anche un dono da fare a se stessi e a qualcuno che si desidera venga ricordato. Dura per sempre ed è un modo di sostenere e condividere un progetto vivo, aperto e per tutti. La propria dedica sarà ricamata a mano sul velluto rosso della poltrona scelta.

Il contributo per dedicare una poltrona è di 2.500€. Grazie all’Art Bonus è possibile recuperare il 65% della propria donazione attraverso la dichiarazione dei redditi da ripartire in 3 quote annuali di pari importo. La donazione di 2.500€ avrà quindi un costo effettivo di 875€.

Per informazioni: chiaramaraviglia@teatrofrancoparenti.it

I benefici riservati ai donatori:

  • Ricamo della dedica sul bracciolo della poltrona
  • Inviti  alle prime teatrali
  • Inviti  a eventi esclusivi dedicati ai donatori
  • Riduzioni per gli abbonamenti e gli spettacoli
  • 8 biglietti omaggio per la balneazione estiva e “salta coda” con ingresso riservato
  • Utilizzo a condizioni speciali degli spazi del Teatro per i propri eventi

 

Grazie a chi oggi contribuisce a sostenere il Teatro in questo periodo di incertezza e grazie a chi lo ha fatto per riqualificare la sede nel 2008 e i Bagni Misteriosi nel 2016.

Hanno dedicato o intestato una poltrona della Sala Grande:

Banca Popolare di Milano (4 poltrone) e una dedicata: Al teatro italiano

Maelarosso Incentive and Congress Srl

Rotary Club Milano (5 poltrone)

SEA – Aeroporti di Milano (4 poltrone)

 

Adele e Rodrigo: A Cesare Cassina

Anonimo: A Dino Buzzati

Sonia e Neva Barbic (3 poltrone):  Dalle zie Sonia e Neva a Leo Giulio, a Oliviero, a Ortensia

Barnabooth, Scuola di Scrittura Creativa diretta da Sebastiano Mondadori

Enrico Bellezza (2 poltrone): A Beni Montresor

Dalia Benatoff Palladino: A Aron e Rebecca Benatoff

Mirella Beraha: A Scrittore Ottavio Cappellani

Annamaria Bernardini de Pace: Ad Annamaria Bernardini de Pace

Federico e Niccolò Bertorelle: A nostra mamma Laura Mazzilli i tuoi figli Federico e Niccolò

Silvia Bisconti: Raptus & Rose

Silvana Blanga: Al papà Elia e al fratello Davide

Sciakè e Riccardo Bonadeo: A Martina

Ilaria Borletti: A Peter Brook

Milly Bossi Moratti: Alla mamma Anna Trotta, arpista

Milagros Branca: A Stefano Branca di Romanico

Andrea e Beatrice Camerana: Al papà

Beba Cittone (2 poltrone) – Beba la ragazzina dai capelli rossi – Massimo irritante e irresistibile

Sabina Ciuffini: A sua sorella Virginia, giornalista e scrittrice

Paolo Clerici (2 poltrone): A Jack Clerici – Daniela Tardini Clerici

Antonella Daga: Andrea, Antonella e Alberto

Rodolfo De Benedetti: Al Centro Shimon Peres

Marinella Di Capua

Diletta: Ad Andrée

Giorgio Fantoni (2 poltrone) Ad Adele Melzi – Ad Andrea Melzi

Pupi Fattori Solari: A Giorgio

Serena Foglia: Ad Alice Foglia Sgarbi

Giovanna Forlanelli Rovati: Ad Alfredo

Susy Gandini: A Cristina

Fabrizio Gardella: A Federica Joe Gardella

Giovanni Gastel: A Luchino Visconti

Helga Gentry (2 poltrone): The joy of life – Life is a theater, theater is life

Ernesto e Carlotta Gismondi: Ad Elisabetta Gismondi

Salvatore Guglielmino

La mamma: A Cecilia e Beatrice

Guido Lopez: A Sabatino Lopez

Mariuccia Mandelli

Ada e Piergaetano Marchetti (2 poltrone)

Gioia Marchi Falck: A Nanni Falck

Marta Marzotto: Ad Annalisa

Roberta Mazzoni: Ad Andrée, al suo cuore e al suo coraggio

Giusi e Vittorio Moccagatta: A Patrizia De Paolini

Francesco e Filippo Mondadori: A Leonardo Mondadori

Claudia Modesti Sirtori – Alla magia del teatro

Massimo Moratti: Alla mamma Erminia

Pietro Mozzi

Ernesto Paolillo: Al papà Angelo

Federica Pavesi

Riccardo Pigati: A Bianca Pigati

Giancarla Re Mursia: A Ugo Mursia

Evelina Schapira: A Carlo F. Shapira

Paola Servalli – Da Paola a Paolo M. Guidi

Colette Shammah (2 poltrone) : Alla mamma – Al papà

Anna Sikos: A Silvia B.

Anna e Paolo Talso: Al Museo d’Arte di Tel Aviv

Marco Tronchetti Provera: Ad Andrée

Sabina Vannucchi (2 poltrone): Da noi con amore per Bruno Armando – Dalla tua Sabina per Luigi Vannucchi

Giorgio Vogel: A Raphael Tobia

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi