Corriere della Sera – Si parla di omofobia con il caso Braibanti

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Nel 1968 il ventunenne Giovanni Sanfratello decide di andare a vivere con Aldo Braibanti, l’uomo che ama, uno scandalo per l’Italia di quegli anni: il padre affida il ragazzo agli psichiatri con la speranza di «guarirlo dalla seduzione» mentre il suo amante, intellettuale antifascista, viene processato e diventa l’unico imputato ritenuto colpevole del reato di plagio nella storia giudiziaria italiana.

Lo spettacolo
Il caso Braibanti
6 - 18 novembre 2018
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi