Tutto quel che è la vita

Scrittura e opere di James Salter

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.


15 Febbraio 2019

Café Rouge

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Conversazione con Edoardo Albinati

e Livia Manera

Letture di Federica Fracassi

in collaborazione con Guanda

Per il ciclo Classici contemporanei

Associazione Pier Lombardo

James Salter è il romanziere contemporaneo più amato e ammirato dagli altri scrittori. Ha la capacità di spezzarti il cuore con una frase.

The Washington Post

James Salter è scomparso a New York all’età di novant’anni nel 2015, poco tempo dopo aver pubblicato il romanzo capolavoro Tutto quel che è la vita. Nel corso della sua lunga esistenza, narrata nell’autobiografia Bruciare i giorni, pubblicata da Guanda come la maggior parte della sua opera recentemente riscoperta, è stato cadetto a West Point, pilota di caccia, scrittore, editor, sceneggiatore. Ampia la varietà di scenari che ha attraversato e raccontato con una scrittura potente: New York, la Corea degli anni della guerra, Parigi vista con il disincanto dell’espatriato, fino alla Roma di Pasolini e Laura Betti.

E sullo sfondo di questi paesaggi spesso stranianti, un vortice di incontri, relazioni, sodalizi, amici, mogli e amanti: la materia prima dei suoi romanzi e racconti, che restituiscono intatto un mondo ormai scomparso, sconosciuto alla maggior parte dei suoi lettori, ma reso ancor più vivido dalla magia della sua scrittura. Costante in lui l’anelito alla perfezione, allo stile, alla sfida: sia essa quella del pilota che affronta il nemico nella solitudine del proprio abitacolo, sia che si concentri tutta nella ricerca da parte dello scrittore della parola insostituibile e della perfetta trasparenza.

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.

15 Febbraio 2019

Café Rouge