Teatro

Tropicana

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.


23 Novembre - 1 Dicembre 2019

Sala Tre
Attenzione: il percorso che conduce
alla sala
non prevede rampe o ascensori
per l’accesso delle persone disabili.
55 minuti

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

con Francesco Alberici, Salvatore Aronica, Claudia Marsicano, Daniele Turconi
drammaturgia collettiva a cura di Francesco Alberici
scenografia Alessandro Ratti
in collaborazione con Sara Navalesi
disegno luci Daniele Passeri

Frigoproduzioni/Gli Scarti
con il supporto di di Pim Off – Teatro Excelsior di Reggello (FI) – Residenza IDra – Settimo Cielo nell’ambito del progetto Cura 2016 – Fuori Luogo La Spezia

Claudia Marsicano Premio UBU 2017 – Miglior attrice Under 35

La canzone è quella del Gruppo Italiano, tormentone di molte estati dal 1983 e inno alla spensieratezza. Ma di cosa parla davvero Tropicana? Lo spettacolo che svela il cortocircuito tra testo e significato recondito della canzone, le vicende della band dal nome mal scelto e i rovelli identitari della giovane compagnia. È un’elaborazione della paura, della paralisi, dell’ansia e dell’aspettativa. Lo spettacolo, tra ironia e nonsense, cela il malessere di una generazione senza ideali, una generazione che “esplode” tra balli superficiali, bevendo una bibita dolce. In un’epoca in cui anche l’arte diventa merce, come si può andare avanti reinventandosi ma mantenendo una propria identità?

I ragazzi di FRIGOPRODUZIONI, dietro l’apparente leggerezza, hanno messo sù un lavoro in cui si raccontano con sincerità e bravura senza guardarsi solo l'ombelico come tanta drammaturgia e post drammaturgia che si vede in giro. Il fallimento comunicativo di Tropicana è quello di tanti giovani artisti, sospinti tra le ineluttabili dinamiche del successo e l'estro della propria poetica.
Anna Bandettini - repubblica.it
In scena l’aria è rarefatta, l’atmosfera è fredda, chirurgica nei rapporti e nelle espressioni. La recitazione, calibrata al millimetro è naturale ma gelida allo stesso tempo. Altro che ironia. Lo sbotto di Marsicano, prima di lasciare il microfono e uscire di scena, è una doccia gelata – e, più che autoironia, si respira una sottile forma di violenza.
Mailè Orsi - Persinsala.it
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.

23 Novembre - 1 Dicembre 2019

Sala Tre
Attenzione: il percorso che conduce
alla sala
non prevede rampe o ascensori
per l’accesso delle persone disabili.
55 minuti