Teatro Pueblo

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.


24 - 29 aprile 2018

Sala Grande

©Valerie Nagant
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

di e con Ascanio Celestini

musiche Gianluca Casadei | voce Ettore Celestini | suono Andrea Pesce | luci Danilo Facco
organizzazione Sara Severoni

produzione Fabbrica srl
coproduzione Romaeuropa Festival e Teatro Stabile dell’Umbria

Incontro
Incontro con Ascanio Celestini
sabato 28 aprile, dopo lo spettacolo
conduce Oliviero Ponte di Pino

Seconda tappa di una trilogia inaugurata a Romaeuropa Festival nel 2015 con lo spettacolo Laika, Pueblo è la nuova produzione dell’istrionico Ascanio Celestini.
L’artista, fra i più rappresentativi del teatro di narrazione in Italia, ritorna negli stessi luoghi in cui palpitava la vita della sua precedente creazione: la periferia, il bar, il supermercato, il marciapiede. Qui vive Violetta, giovane cassiera che sogna di essere regina di un reame popolato dalle storie feroci e poetiche di altrettanti personaggi disillusi e traditi dalla vita. Voci differenti s’incontrano qui per ritrarre un universo fatto di povertà ma capace di brillare come un diamante di rara bellezza o un mondo senza Dio – come quello di Laika – in cui, nonostante tutto, molti miracoli dovranno accadere.
Accompagnato dalle musiche originali composte da Gianluca Casadei, Celestini crea un nuovo ritratto dei margini della società e invita lo spettatore a identificarsi con i suoi protagonisti: personaggi che, al di là della loro particolare condizione sociale, come tutti noi affrontano quotidianamente la propria condizione di esseri umani.

Spero di provocare nello spettatore un’identificazione con il barbone o con la prostituta rumena, non perché vive la stessa condizione sociale, ma la stessa condizione umana.
Ascanio Celestini travolge con la sua prosa e la sua recitazione irruente, una pioggia anch’essa che cade sullo spettatore a volte lieve e rinfrescante, a volte fitta e dolorosa, ma che non lascia mai indifferenti; creatore di una catarsi alla maniera ellenica, che tira fuori il marcio dell’essere umano, lo sviscera e lo mette in bella mostra per poi spingerlo via, alleggerendo il cuore.
Nike Francesca Del Quercio – Fermata Spettacolo
Percorso teatrale
Segui la Passione Civile!
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.

24 - 29 aprile 2018

Sala Grande