Incontri e Libri Prospettiva Dostoevskij

Prospettiva Dostoevskij

Verso Delitto e Castigo

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.


29 Novembre 2016 - 19 Marzo 2017

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Un percorso di avvicinamento teatrale a Delitto e castigo che si snoda attraverso spettacoli, lezioni e conversazioni, per immergersi nell’universo romanzesco del geniale scrittore russo e nei grandi temi della sua opera.

spettacoli di Alberto Oliva e Mino Manni
produzione Teatro Franco Parenti / compagnia i Demoni in Residenza

Lectio e incontri con Sergio Givone, Adriano Dell’Asta, Elena Kostjukovich, Fausto Malcovati, Damiano Rebecchini
a cura di Irene La Scala

da martedì 29 novembre a domenica 4 dicembre 2016
Il topo del sottosuolo
Una storia di ozio e depravazione verso Delitto e Castigo
con Mino Manni
regia di Alberto Oliva

Spin off dedicato a Svidrigajlov, un personaggio straordinario, cui Dostoevskij dedica molte pagine nella seconda parte di Delitto e castigo. Incallito giocatore, scommette su se stesso per tutta la vita, giocando ai limiti del consentito una partita senza esclusione di colpi col destino.


giovedì 1 dicembre h 19.30
Le parole di Raskol’Nikov
Lectio di Damiano Rebecchini
Traduttore della nuova edizione di Delitto e Castigo edita da Feltrinelli


da martedì 17 a domenica 22 gennaio 2017
Ivan e il diavolo
Il mistero del doppio nei Fratelli Karamazov
con Mino Manni e Francesco Meola
Regia di Alberto Oliva

Il giovane Ivan si confronta con il lato oscuro della propria anima, interpretato da Mino Manni alle prese con un diavolo sorprendente e imprevedibile, in un dialogo divertente, sagace, estremo, di straordinaria potenza.


mercoledì 18 gennaio h 18.00
La follia e il suo doppio in Dostoevskij
Lectio di Fausto Malcovati


da martedì 7 a domenica 19 marzo 2017
Delitto e Castigo
con Valentina Bartolo, Francesco Brandi, Maria Eugenia D’Aquino, Matteo Ippolito, Massimo Loreto, Mino Manni, Camilla Sandri
Regia di Alberto Oliva

Incubi, visioni al confine con la follia si alternano a scene di crudo realismo fra i vicoli di Pietroburgo, bettole e squallide stanzine da cui si origlia, si respira con affanno, si piange e si ama.
La parabola esistenziale di Raskolnikov che uccide per sentirsi un’anima eletta e non una persona qualsiasi è il punto di partenza per un’analisi profonda sul mistero dell’uomo e sull’impossibilità di ogni giudizio che punti a dividere gli esseri umani in buoni e cattivi, vittime e carnefici, salvati e dannati. Il giovane studente commette il delitto e poi sprofonda in uno stato mentale che alterna una lucidità cinica e graffiante a momenti di delirio convulso. Attorno a lui ruotano personaggi deliziosi, dalla bella Sonja all’amico Razumichin, dalla vecchia usuraia uccisa per pochi spiccioli al disincantato Porfirji, e tanti altri in un affresco ricchissimo di umanità cui attingere per una vertiginosa discesa agli inferi.


mercoledì 8 marzo h 18.00
Delitto e castigo, romanzo filosofico?
Lectio di Sergio Givone


venerdì 10 marzo h 18.00
La bellezza salverà il mondo
Arte e spiritualità in Dostoevskij
Lectio di Adriano dell’Asta


martedì 14 marzo alle h 19.00
La donna? Solo il diavolo sa cos’è.
Conversazione con Elena Kostjukovich e Fausto Malcovati

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.

29 Novembre 2016 - 19 Marzo 2017