Corsi e Laboratori Associazione Pier Lombardo

Linguaggio, ritmo, respiro e presenza nel teatro di Shakespeare

Corso di recitazione in lingua inglese

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.


24 Settembre 2019 - 5 Aprile 2020

Sala Appartamento

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

condotto da Celeste Moratti

Associazione Pier Lombardo

Un'esperienza assolutamente entusiasmante sia dal punto di vista formativo che da quello umano.

Francesco - allievo della I edizione 2018/2019

Lo scopo del corso è quello di esplorare la recitazione in inglese per attori non madrelingua (anche se può essere aperto ad attori madrelingua inglese). Lavorando sui testi Shakespeariani, gli attori esploreranno le particolarità della recitazione in una lingua diversa dalla propria: con il linguaggio cambia il ritmo del respiro e del corpo, la modalità di pensiero e l’immaginazione.

Il corso sarà in lingua inglese (of course!) e strutturato in 3 moduli:

I modulo | Dall’abituale al naturale
martedì 24 Settembre h.18:00

Presenza, corpo, respiro e voce libera: attraverso il lavoro su monologhi e sonetti, gli attori iniziano a esplorare la presenza scenica e il lavoro corporeo e linguistico necessario per parlare la lingua di Shakespeare. Ci concentreremo sulla particolarità del verso e sul movimento specifico della lingua inglese, sull’analisi testuale e sopratutto sul trovare la ‘propria voce’ in una lingua non nostra, in modo da preservare l’onestà e naturalezza della performance.
I primi giorni saranno concentrati sul corpo e la dinamica del respiro e della voce. Il lavoro sul testo sarà parte integrante di questa fase, ma diventerà il principale soggetto degli ultimi giorni di lavoro, sia di gruppo sia individuale. Il lavoro fatto in classe davanti a un pubblico selezionato.

II modulo | Sostenere l’energia
martedì 28 Gennaio h.18:00

Ensemble e individualità: approfondimento dei concetti esplorati nel primo modulo, questa volta con l’attenzione rivolta ad allenare il corpo e la mente ad estendere il lavoro ad una intera performance in gruppo. Shakespeare richiede un atleticismo fisico e mentale, e l’abilità di lavorare in gruppo come un organismo senza perdere l’individualità. Continueremo a lavorare su monologhi e inizieremo a esplorare dialoghi e scene, sia dal punto di vista dell’analisi testuale che da quello del lavoro di prova necessario alla messa in scena. Lavorare in ensemble ci permetterà di esplorare come le scoperte fatte nel primo modulo si applichino al dialogo e alla coralità, e a rinforzare i muscoli (del corpo e dell’immaginazione) in attesa dell’ultimo modulo. Avremo l’occasione di mostrare il lavoro ad un pubblico invitato per l’occasione.

III modulo | Laboratorio di messa in scena
venerdì 3 Aprile h.18:00

Ora che la lingua di Shakespeare è stata esplorata con il corpo e con la mente ed è stato stabilito il lavoro di presenza scenica, gli attori sono pronti a prendere il respiro di un’opera dall’inizio alla fine: il testo verrà esplorato, discusso e messo in scena dall’Ensemble, e alla fine i frutti del nostro lavoro potranno essere condivisi con il pubblico del Teatro Franco Parenti!

Le esperienze della prima edizione

Sono un attore, ho studiato recitazione negli Stati Uniti. Lavorare con Celeste nel workshop su Shakespeare è stato, per me, come la scoperta di un nuovo mondo. In paragone, tutto quello che avevo studiato su S. sembrava nullo! Il suo respiro, la sua voce, la sua musica... Assolutamente meraviglioso... Mi sono completamente innamorato del suo teatro!! Ho poi avuto la fortuna di portare in scena, pochi mesi dopo, King Lear con una compagnia londinese, dove ho potuto effettivamente testare con mano e mettere in pratica il contenuto del workshop con grande soddisfazione. CONSIGLIATO A TUTTI GLI ATTORI...INTRAPRENDENTI!
Jacopo
Ho avuto la fortuna di poter seguire l'intero laboratorio articolato nei tre moduli. Il lavoro approfondito in lingua originale permette di cogliere tutte le sfumature e i colori del linguaggio di Shakespeare, un procedimento essenziale poi applicabile ad altri autori e testi. Un'avventura che tutti gli attori dovrebbero intraprendere!
Alice
Come tutte le cose belle che "finiscono troppo presto" mi ha lasciato il forte desiderio di ripetere "l'avventura" non appena possibile..... E i risultati del lavoro si sono subito visti sia regalandomi maggiore consapevolezza e credibilità nella mia abituale attività recitativa sia dandomi la possibilità, inserito nel CV, di partecipare ad altri laboratori "a numero chiuso"
Francesco
  • 1 di 8. I edizione 2018/2019
  • 2 di 8. I edizione 2018/2019
  • 3 di 8. I edizione 2018/2019
  • 4 di 8. I edizione 2018/2019
  • 5 di 8. I edizione 2018/2019
  • 6 di 8. I edizione 2018/2019
  • 7 di 8. I edizione 2018/2019
  • 8 di 8. I edizione 2018/2019

Dopo gli studi di Filosofia Teoretica a Milano, dove è nata e cresciuta, Celeste Moratti inizia il suo cammino teatrale a New York nel 2001. Si diploma al prestigioso Stella Adler Conservatory e inizia una lunga collaborazione con Dario D’Ambrosi e il suo Teatro Patologico, sviluppando in parallelo una prolifica carriera teatrale e cinematografica sia negli USA che in Europa.

Oltre che del Teatro Patologico, Celeste è tuttora un membro del Living Theatre, del Titan Theatre Company, ADK Shakespeare Company e Hyperion Theatre Company.

Nel 2015, dopo aver studiato da attrice e regista per anni con Patsy Rodenburg, Celeste si imbarca in un rigoroso training biennale con Patsy, alla fine del quale ottiene la qualificazione di Registered Rodenburg Teacher (RRT): ad ora, oltre alla stessa Patsy Rodenburg, solo 20 insegnanti operano intorno al mondo con questa qualificazione, e Celeste è finora l’unica RRT in Italia. A New York, Celeste insegna regolarmente sia come coach privata sia a gruppi di attori e vari professionisti dello spettacolo: le sue classi spaziano dalla preparazione fisica e vocale a laboratori di intere opere teatrali.

English version

Rhythm, Language, Breath And Presence In The Plays Of William Shakespeare

Acting Workshop in English
Taught by Celeste Moratti
The workshop requires fluency in English

Dates and times:
Phase I
September 24, 25, 26, 27 > 18 to 22.30
September 28, 29 > 10.30 to 18.30
Phase II
January 28, 29, 30, 31 > 18 to 22.30
February 1, 2 > 10 to 18.30
Phase III
April 3, 6, 7, 8, 9, 10 > 18 to 22.30
April 4, 5 > 10 to 18.30

An absolutely thrilling experience, from both an educational and a human standpoint” Francesco, student in 2018/19

The laboratory explores acting for performers who speak English as a second language (but it’s recommended to anyone, including native English speakers). Through working on Shakespeare’s text, students will explore acting in a language and mindset different from their own: different languages carry a different rhythm of the breath and body, a different way of thinking and imagining the world.

The lab will be taught in English, and structured in 3 stages:

Stage I: From the Habitual to the Natural
Presence, body, breath and the free voice: by working with speeches and Sonnets, the actors will begin to explore the physical readiness and linguistic demands of Shakespeare language. We’ll focus on the structure of the verse and on the rhythmic specificities of the English language, on text analysis and, mostly, on finding the actor’s “own” voice in a language other than theirs, in order to preserve the naturalness and earnestness of the performance.
The first dais will focus on the body, breath and the voice; text work will be incorporated throughout, but will be center focus in the last days of work, both in Ensemble and one-on-one.

Stage II: Stamina
The Ensemble and the Individual: we’ll deepen the work started in phase I, this time with the objective of extending the craft into being able to sustain the performance of an entire play on the stage; Shakespeare demands an athleticism of body and mind, and the ability to work in an organic ensemble and at the same time maintain individuality. We’ll deepen the work on Shakespeare’s speeches, starting to also explore dialogues and scenes, both with textual analysis and by getting accustomed to the realities of rehearsal and performance prep. Ensemble work will help in connecting the discoveries made in phase I to dialogical and Choreic moments, and in strengthening the muscles (both of the body and mind), in preparation to phase III.

Stage III: Production Lab
Now that we’ve explored Shakespeare’s text physically, intellectually and imaginatively, and understood the work necessary to achieve presence and readiness, the actors are ready to take the breath of an entire play from beginning to end. the chosen text will be explored, discussed, rehearsed and performed by the Ensemble, and our work will be ready to be shared on Teatro Franco Parenti’s stage with an audience.


Experiences from the first year of workshops:
I am an actor, I studied drama in the United States. Working with Celeste in this Shakespeare workshop has been like the discovery of a new world for me. In relationship to this, all my previous Shakespeare training seemed like nothing at all: his music, his voice, the breath of the language…absolutely marvellous…I completely fell in love with his plays! A few months after, I also had the chance to perform on stage in King Lear in London, with an English theatre company, and I could effectively test and practice what I’ve learned in the workshops, with great satisfaction. RECOMMENDED FOR ALL BRAVE PERFORMERS!” Jacopo

“I had the luck to participate in the entire series of workshops, throughout all three levels. The depth of the work in English allows to catch all the colors and nuances of Shakespeare’s language, a fundamental step that can then be applied to any playwright and text. It’s an adventure that every actor should undertake!” Alice

Like all good things which end too soon, this one left me with a strong desire to repeat the adventure as soon as possible…and the results of the work were immediately evident: it gave me greater awareness and credibility in my usual acting work, and by having it in my curriculum, gave me a chance to participate in other selective acting workshops and labs” Francesco


After her studies in Theoretical Philosophy in Milan, where she was born and raised, Celeste Moratti began her stage career in New York in 2001. She graduated at the prestigious Stella Adler Conservatory, and then immediately upon graduation she began a long and fruitful collaboration with Dario D’ambrosi and his Teatro Patologico, all while continuing her stage and film career, both in the USA and in Europe.
Besides Teatro Patologico, Celeste is anactive member of The Living Theatre, Titan Theatre Company, ADK Shakespeare and Hyperion Theatre Company.
In 2015, after having worked as a student with patsy Rodenburg for 8 years, Celeste started a rigorous biennial Teaching Training Program with Patsy, at the end of which she obtained the qualification of Registered Rodenburg Teacher (RRT): at the present time, only Patsy Rotenburg herself and 20 teachers personally trained by her operate under the title, and Celeste is the only RRT in Italy. In New York, Celeste regularly teaches and coaches both groups and individuals: her classes span from physical and vocal work to professional production labs.

Download and fill out the form to participate!

Sito web
Scopri di più!
www.firstmaria.com
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.

24 Settembre 2019 - 5 Aprile 2020

Sala Appartamento