Teatro Lear. La storia

Lear. La storia

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.


11 - 16 ottobre 2016

di William Shakespeare
traduzione Masolino d’Amico
adattamento, regia e scene Giuseppe Dipasquale
con Mariano Rigillo, Anna Teresa Rossini, Sebastiano Tringali, David Coco, Filippo Brazzaventre, Silvia Siravo, Giorgio Musumeci, Luigi Tabita, Ugo Bentivegna, Enzo Gambino, Roberto Pappalardo
opere in scena e costumi Angela Gallaro
musiche Germano Mazzocchetti
movimenti scenici Donatella Capraro
luci Franco Buzzanca

produzione Teatro Stabile di Napoli

Il potere è maschio in un mondo senza bellezza

Il re Lear di Mariano Rigillo e del regista Dipasquale avrà una corona di spine in testa, come a dire che anche lui è condannato al sacrificio dopo avere scoperto le false adulazioni delle due figlie e la sincerità della terza che, senza indulgere, era quella che lo amava.

Lear è una storia sul potere, ma il potere non si trasmette se chi lo eredita non ne possiede il vigore, se non sa essere fedele al mandato; inoltre, Lear è parte tanto del male, quanto del bene, tanto da essere considerata anche la tragedia del doppio: quello del potere e della perdita, del sacro e del profano, dell’amore e della simulazione, della sapienza e della follia (rappresentata dal Matto che, in verità, è l’unico savio), dell’amore paterno e del disconoscimento dei figli.

Una lettura diversa dalle precedenti, quella di Dipasquale, con un Rigillo al culmine della sua carriera che fa di Lear un re dolente, stanco e amareggiato, a cui dona una forza impressionante, dando corpo a vecchio dolente e sfatto che ritorna bambino dinanzi al dolore immane di essersi sbagliato: la bontà non gli è appartenuta, ma pretende il rispetto della carica. Toglierglielo equivale a ucciderlo.

L'adattamento del regista mette in luce l’errato utilizzo del potere e le funeste conseguenze che investono coloro contro cui è esercitato, che porta alla tragedia finale. Rispettando il testo shakespeariano, il regista preserva la bellezza poetica dell'opera originale e nel frattempo, rende chiara la sua personale chiave di lettura.
Giornale di Sicilia
Condividi
Condividi

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.

11 - 16 ottobre 2016