Incontri e Libri Le città da cantare

Le città da cantare

Presentazione del libro di Riccardo Canesi

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.


5 Febbraio 2019

Café Rouge

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Presentazione del libro di Riccardo Canesi
Le città da cantare. Atlante semi-ragionato dei luoghi italiani cantati, Tarka edizioni
prefazione di Mogol

Mario Lavezzi incontra l’autore

Le canzoni, nella loro apparente leggerezza e banalità, ci segnano la vita, ci fanno ricordare oltre alle persone care, momenti significativi della nostra esistenza ed anche i luoghi in cui le abbiamo ascoltate o a cui si riferiscono.

Riccardo Canesi

La città più cara a Lucio Dalla, dopo la sua Bologna? Torino. Non ancora diciottenne firmò nel capoluogo piemontese il suo primo contratto con i Flipper, a Torino Dalla dedica Tango e a Torino, nel 1973, dedica l’album Il giorno aveva cinque teste sull’emigrazione calabrese.

Venezia lega il suo nome a Pino Donaggio, ma anche al romano Francesco De Gregori (Miracolo a Venezia, nell’album Scacchi e Tarocchi), Trieste a Lelio Luttazzi (El can de Trieste!).

E poi la Roma di Antonello Venditti, Renato Zero, la Genova dei fratelli Gian Franco e Gian Piero Reverberi, padri dei cantautori, da Gino Paoli, Umberto Bindi, Luigi Tenco, la Genova di Fabrizio De André, la Milano di Adriano Celentano, Enzo Jannacci, Dario Fo, solo per citarne alcuni.

Anche se le definiamo spesso “leggere”, le canzoni, che tanta parte hanno nell’esperienza comune di tutti noi, sono uno specchio prezioso dei nostri rapporti con il mondo e raccontano una geografia delle emozioni e dei sentimenti, sullo sfondo della storia quotidiana. Riccardo Canesi, che di geografia se ne intende (la insegna e la promuove come disciplina da molti anni), coniuga qui quella sua passione scientifica con l’amore, altrettanto lungamente coltivato, per la musica, e propone un catalogo ragionato delle canzoni che hanno come tema le città italiane (con qualche puntata d’assaggio verso il resto del mondo). Un catalogo, ma anche molto di più: un viaggio, nello spazio e nel tempo – fra bellezza e degrado, arte e rovine, paesaggi naturali e cemento, bella vita e povertà, puro intrattenimento e passioni sociali e politiche – Virginio B. Sala, 2018

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.

5 Febbraio 2019

Café Rouge