Teatro

Clôture de l’amour

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.


16 - 30 Ottobre 2019

Sala Tre
Attenzione: il percorso che conduce
alla sala
non prevede rampe o ascensori
per l’accesso delle persone disabili.

1 ora e 40 minuti

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

uno spettacolo di Pascal Rambert
traduzione Bruna Filippi
con Anna Della Rosa, Luca Lazzareschi

produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione
in collaborazione con Associazione Call me Ishmael

In scena, i proiettili di un amore che finisce.

Drammaturgo, regista e autore tra i più tradotti e rappresentati a livello internazionale, Pascal Rambert mette in scena la rovente resa dei conti di una coppia giunta al capolinea. Anna e Luca, mossi dalla rabbia e dalla necessità urgente di dividersi, si affrontano sul confine del palcoscenico. Distanti l’uno dall’altra, saldi alle due estremità opposte del palco, si fronteggiano con un linguaggio essenzialmente organico e persino coreografico, costruendo con le parole una barriera di filo spinato che li divide e ripetendo in modo ossessivo espressioni che sembrano vorticare nei loro corpi.

Da un lato lui, che con abbondanza verbale e aggressività, riversa il suo disagio esistenziale sulla compagna, ricercando e giustificando il suo senso di colpa. Dall’altro lei, che ribalta la prospettiva usando parole affilate come coltelli.

Clôture de l’amour è la prova tangibile della trasfigurazione dei sentimenti, è un limbo in cui le mani tremano, l’essenza appassisce e l’interiorità fa a pezzi il lucente aspetto esteriore.

Superbo e inesorabile Luca Lazzareschi, glaciale e formidabile Anna Della Rosa, per una danza di morte di oggi, durissima, bellissima.
la Repubblica
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.

16 - 30 Ottobre 2019

Sala Tre
Attenzione: il percorso che conduce
alla sala
non prevede rampe o ascensori
per l’accesso delle persone disabili.

1 ora e 40 minuti