Incontri e Libri Bowie su Baal

Bowie su Baal

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.


23 novembre 2016

Lecture a cura di Maurizio Principato
Introduce Giuseppe Isgrò

In occasione dello spettacolo Baal
ideazione, regia e scene Giuseppe Isgrò

Per David Bowie l’ingresso negli anni Ottanta del Novecento fu caratterizzato da sfide inedite.
Nell’estate del 1981, terminata l’estemporanea e sorprendente esperienza con i Queen che aveva prodotto uno dei maggiori successi pop di tuttii tempi, “Under Pressure”, Bowie incontrò a Londra il produttore Louis Marks e il regista Alan Clarke. I due avevano deciso di realizzare un adattamento televisivo di Baal, la prima opera teatrale di Bertolt Brecht con musiche di Kurt Weil. «David Bowie è l’attore che abbiamo in mente» dichiarò Marks, «Il Baal ideale è una star in grado di specchiarsi nel personaggio: chi meglio di Bowie?». Da tempo l’eclettico artista viveva in isolamento (la collaborazione con i Queen e, poco prima, con Giorgio Moroder erano state delle eccezioni) ma fu affascinato dalla proposta e accettò, nonostante il compenso fosse pari alla paga giornaliera standard decisa dalla BBC. Per lui Baal era il primo, vero iconoclasta super-punk della storia: sensuale, egocentrico, cinico e dissoluto. Ma Baal, aggiungiamo, è soprattutto un involucro vivente che racchiude delle bellezze e le asperità della natura umana.

Cosa successe durante i cinque giorni di riprese del caldissimo agosto 1981? In che modo Bowie fece suoi i pezzi di Brecht e Weil? Come fu recepito il Baal di Bowie e cosa è restato di questa esperienza?

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.

23 novembre 2016