Borges e il tango

Una tardecita de Buenos Aires

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.


9 Dicembre 2019

Café Rouge

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Borges e il tango
Una tardecita di Buenos Aires
con Giorgio Pinotti
bandoneón Gino Zambelli

in collaborazione con Adelphi

a seguire degustazione di Malbec
Si ringrazia Via dell’Abbondanza

Progetto Focus Argentina. Spettacoli, racconti, concerti e degustazioni dal Sur
in collaborazione con

Associazione Pier Lombardo

Nell’ottobre del 1965 Borges ha tenuto un ciclo di quattro conferenze, tornate alla luce solo di recente e diventate un libro, inatteso e sorprendente. Nelle sue parole rivivono la Buenos Aires della sua infanzia – una piccola città di case basse con il patio, senza alberi, circondata da campi aperti –, le milonghe e le habanera che sono all’origine del tango, i locali infami dove lo si danzava, frequentati da guappi, da rissosi niños bien, da magnaccia e donne di malaffare. Ma soprattutto rivive l’anima di quei tempi: la provocazione disinteressata, l’allegra spavalderia, il gusto di sfidare il più forte solo per mettere alla prova il proprio coraggio. Esattamente ciò che vibra nel tango originario, simbolo di felicità.

Restiamo in contatto
newsletter

Condividi
Restiamo in contatto
newsletter

Condividi

Ti trovi in una pagina di Archivio, se vuoi consultare la programmazione corrente visita la pagina Cartellone.

9 Dicembre 2019

Café Rouge