IL CALAPRANZI
  20/10/2009    01/11/2009 
 

di Harold Pinter
traduzione di Alessandra Serra
interpretazione e regia di Lorenzo Costa e Ivana Monti

Produzione Teatro Garage di Genova

Un'azione scoppiettante, grazie alla bravura di Ivana Monti e Lorenzo Costa, binomio perfetto per la comicità di Pinter: silenzi-dialogo e dialoghi serrati, amare risate e calma violenza. Chiusi in uno scantinato ad attendere il nome della loro vittima, i due killer del thriller, mettono in scena in un duo amaro e quasi comico, la metafora dell'inquietudine umana.

Gus e Ben - Ivana Monti  e Lorenzo Costa - danno vita a dialoghi divertenti a assurdi. L'attesa dei messaggi, spesso fonte di riflessioni, diventa col passare del tempo sempre più snervante, creando stato d'ansia e tensioni verbali tra i due protagonisti, fino ad un finale sorprendente. Il calapranzi mette in scena la violenza, tema ricorrente nella drammaturgia pinteriana, e i suoi meccanismi spesso inafferabili e sottili che insidiano l'uomo. Una violenza che in questo testo è espressa sotto forma di una calma impassibile di Ben ed un' inquietudine ossessiva di Gus. E' in scena una metafora delle minacce della vita alle quali si può rispondere o con amare risate o con il silenzio delle verità.

Durata 1h15'

ABBONAMENTO Pinter e dintorni La stampa su Pinter e dintorni
martedì-sabato ore 20.30
domenica ore 16.00

Festa del teatro

domenica 25 ottobre
ore 16.00
 

 Biglietti

Intero € 32.00
Ridotto under 25, gruppi, cral € 22.00
Ridotto over 60 € 16.00
Ridotto under 18 € 10.00

Biglietteria