COME UN CANE SENZA PADRONE - lettura
  04/11/2010    05/11/2010 
 

ideato e diretto da
Enrico Casagrande e Daniela Nicolò
narratrice Emanuela Villagrossi
con Dany Greggio e Frank Provvedi (in video)

Come un cane senza padrone” amava autodefinirsi Pasolini che, in Poesia in forma di rosa scriveva:  “giro per la Toscana come un pazzo e per l’Appia come un cane senza padrone. Viaggio come una metafora sempre in cerca di qualcosa”. Un titolo, dunque, che è un omaggio di Motus, formazione tra le più originali della scena contemporanea, a un pensiero e a una vita, ma soprattutto un invito a lasciarsi guidare in un percorso nella scrittura, raccontato per immagini. La compagnia riminese ha scelto Petrolio, l’ultimo incompiuto romanzo di Pasolini, concentrandosi su un frammento  (gli appunti da 58 a 62) che racconta della manifestazione di Carmelo, un guardarobiere, verso l’ingegnere Carlo, e del loro rapporto sessuale, rappresentazione di quello stesso stordimento emotivo che irrompe in Teorema. Ma la storia non è solo raccontata (attraverso la lettura di Emanuela Villagrossi): sullo schermo a sinistra compaiono le immagini evocate dalla narratrice, mentre su quello centrale scorrono via veloci paesaggi da periferia urbana, i quartieri che amava Pasolini, ma anche il luogo dove avvenne la sua morte (riprese e montaggio video di Simona Dacci). “Un film di letteratura”, come lo definiscono gli autori, in cui il linguaggio della scena procede su piani molteplici (sonori, virtuali, reali) e scomposti. Al pubblico, la responsabilità di quello che osserva: la possibilità ardita, ma necessaria di effettuare nello sguardo un proprio “montaggio”, di rintracciare i fili nascosti e dare un senso a tutti i frammenti della scena.

4 e 5 novembre 2010 | Fastweb Foyer | ore 19.30
Carnet Piccola Rassegna Pasolini >> 35€
La ricotta con Antonello Fassari
Lettere a Silvana - lettura di Filippo Timi 
Come un cane senza pardrone - lettura di MOTUS