ZONE OF SILENCE Moderna epopea bielorussa in tre capitoli
  24/11/2010    26/11/2010 
 

drammaturgia Konstantin Steshik
regia Vladimir Shcherban
autori/attori Pavel Gorodnitski, Yana Rusakevich, Oleg Sidorchik, Anna Solomianskaya, Denis Tarasenko e Marina Yurevich
ideazione capitoloI Natalia Koliada, Nikolai Khalezin, Vladimir Shcherban
ideazione capitalo II e III Vladimir Shcherban
assistenti Irene Yaroshevich, Maryia Vavokhina, Svetlana Sugako, Alexei Shyrnevich
Produzione Belarus Free Theatre

http://zoneofsilence.org/

Zone of Silence è uno spettacolo suddiviso in tre parti legate da un filo comune: l’invito a riflettere su diversi argomenti di cui non è consentito parlare apertamente nella società bielorussa, ovvero l’infanzia difficile, la diversità e le statistiche. Nel primo capitolo ciascun attore ricorda episodi della sua infanzia. Ogni storia, raccontata con estrema sincerità, tenta di rispondere alla domanda su come le ferite subìte da bambini influenzino le nostre vite. Il secondo capitolo è una panoramica sugli "altri", su coloro che vivono l‘oppressione di un immotivato attacco sociale: un gay bielorusso di colore, una donna sola innamorata di Lenin e un senzatetto con una grande passione per la danza. Cosa li ha spinti ai margini della società? Perché sono diventati “diversi”? Nel terzo capitolo, infine, gli attori tentano di comprendere sterili dati statistici che riguardano il loro paese attraverso un contatto non verbale con il pubblico. Perché la Bielorussia è al primo posto in Europa per numero di suicidi? Quanti bambini vengono abbandonati negli orfanotrofi per l’impossibilità da parte dei genitori di provvedere al loro sostentamento? Qual’è il tasso di disoccupazione in Bielorussia e quante persone sono condannate alla sussistenza? Per il complesso della sua attività nel 2008 il Belarus Free Theatre ha ricevuto il Premio dei Diritti dell’Uomo della Repubblica Francese – unica istituzione culturale a riceverla – e una menzione speciale nella sezione Nuove Realtà del Premio Europa per il Teatro.



     

GUARDA GLI ALTRI VIDEO>>


Tom Stoppard, Al Jazeera
Eurepica.Challenge
Rwanda


NEW YORK TIMES, In Belarus, Theater as Activism, DAVID L. STERN
THE GUARDIAN
Accidental tyranny,TOM STOPPARD
THE GUARDIAN
,
My highlight of 2008? Hooking up with the scary and unstoppable Free Theatre of Belarus, MARK RAVENHILL
The guerilla artists of Belarus Free Theatre..., RANDY GENER

 GUARDA GLI ALTRI VIDEO>>

Spettacolo in lingua bielorussa e russa sottotitolato in italiano

dal 24 al 26 novembre | | merc e giov ore 20.30 | venerdì 26 novembre ore 21.00

La card non è nominale. Può essere utilizzata quando e con chi vuoi, anche da più persone, per tutti gli spettacoli del cartellone Con altri occhi. Esauribile anche in una stessa sera, compatibilmente con la disponibilità dei posti.

10 ingressi 150€        7 ingressi 115€      5 ingressi 90€
   15€cad            16,40€cad         18€cad         
 

Biglietti: Intero 25€