DETRARRE TUTTO. DETRARRE TUTTI
  17/05/2010    17/05/2010 
 

A CHE SERVE L’ITALIA.
Umberto Croppi, Peppe Nanni, Sergio Scalpelli, Fiorello Cortiana

invitano ad una riflessione sul tema
Detrarre tutto. Detrarre tutti
Coordina: Fiorello Cortiana
ne discuteranno Umberto Croppi, Peppe Nanni, Bruno Tabacci, Marco Vitale

Quando, nel ‘67, Guy Debord elaborò il suo celebre saggio “La società dello spettacolo” identificò nel nostro Paese il luogo in cui si stavano realizzando le condizioni di un radicale cambiamento della politica, in rapporto con la comunicazione e le nuove fonti di legittimazione. La patria di Machiavelli come laboratorio di nuove forme di rappresentanza e controllo. Dopo quarant’anni quell’analisi sembra aver colto alcune delle linee evolutive che hanno accompagnato una trasformazione mai compiuta, una infinita transizione. A volte crocevia, a volte margine l’Italia è oggi in cerca di ancoraggi non ancora ritrovati: uno smarrimento che attraversa tanto i territori della politica quanto quelli dell’impresa e delle relazioni sociali. Eppure l’Italia, nel bene e nel male, è ancora destinata a essere quel laboratorio, forse quell’eccezione che aveva scorto il pensatore francese. Qualcuno dovrà però cominciare a chiedersi seriamente dove risiedono le risorse che possono metterci in grado di dare un significato nuovo al nostro essere comunità nazionale.

Tappa milanese del ciclo itinerante
A CHE SERVE L’ITALIA.

ore 18.00
    Sala