VIVIEN LEIGH - THE LAST PRESS CONFERENCE
  08/03/2010    14/03/2010 
 

L’Ultima Conferenza Stampa
 
di Marcy Lafferty
traduzione e adattamento Catherine Spaak
regia  Catherine Spaak
musiche  Matteo Cremolini

Produzione Mind & Art  

Dopo due anni di tour negli Stati Uniti, lo spettacolo di Marcy Lafferty torna a Broadway; in Europa andrà in scena prima in Italia, poi in Spagna e Francia.
The New York Times

Vivien Leigh fa parte di tutti noi, o meglio, la sua Scarlett O’Hara – per noi Rossella appartiene ad un’immagine, un’emozione, qualcosa di intenso che è parte della nostra vita. Vivien è Rossella, come nella maturità sarà Blanche in Un tram che si chiama desiderio, ma è soprattutto una fiamma, un fuoco che brucia e che si consuma inesorabilmente.

Vivien Leigh - L’Ultima Conferenza Stampa è la storia prodigiosa della vita e della carriera di una grande interprete cinematografica e teatrale; una conferenza stampa rilasciata mentre era già malata di tubercolosi, poche settimane prima di morire nel 1967.

In teatro, sede di questo incontro con i giornalisti, è lei stessa a tracciare il suo percorso, senza reticenze, fino all’ultimo, non arretrando davanti alla devastazione dalla sua follia, di cui è consapevole. “Io non fingo mai; dico quel che penso e penso quel che dico. Sono in parte moralista e in parte anticonformista. Oscillo tra felicità e tristezza e sono pronta ad accettare le conseguenze delle mie azioni”.

Vivien non sa mentire, neanche a se stessa e guarda il pubblico negli occhi. Forte, fiera, ribelle, determinata, ma anche fragile e vulnerabile allo stesso tempo. Racconta la sua passione per il teatro, l’unico capace di darle pace, gioia ed equilibrio; parla del suo profondo legame con Lowrence Olivier, straordinario attore che fu suo marito e compagno di lavoro. Alle sue spalle compaiono immagini sfuocate. Con un fazzoletto macchiato di sangue, stretto nella mano, agita disordinata i suoi ricordi, rivivendo le sue emozioni, grandiosa e commovente.

Per me Vivien rappresenta in assoluto e nel modo migliore l’attrice. Non solo perché un’eccellente interprete, ma perché capace di incarnare l’essenza della rappresentazione. Possedeva il sottile,
impalpabile dono che consente la comunicazione tra superficie e profondità e permette all’oscuro inespresso di venire alla luce per accecare. Lei rendeva istintivamente reale la dimensione del “sentire”, travolgendo il proprio equilibrio e facendosi carico di un bagaglio di inquietudine con sconcertante naturalezza. Nella vita era capace di tutto: del meglio e del peggio, ma sempre con un’eleganza ed una grazia incommensurabili. Immedesimarsi in lei è complesso, frutto di estrema concentrazione e perenne sperimentazione. Lo spettacolo galleggia in un vuoto vibrante di energia e insospettabile libertà. Questo significa per me il teatro: condivisione di emozioni.

Catherine Spaak

Sala Grande
feriali ore 21.00 - festivi ore 16.30

ABBONAMENTO varie-(tè!)

Biglietti 
Intero                                                 €32.00
Ridotto under 25, convenzioni    €22.00
Ridotto over 60, convenzioni      €16.00

Ridotto under 18                            €10.00

 

Acquista on line su 

Biglietteria