SHARE
 
 
 

 

In occasione dello spettacolo scopri i laboratori di danza indiana a cura della compagnia>>

direzione artistica Jayachandran Palazhy
coreografia Jayachandran Palazhy e Attakkalari Repertory Company
danza Meghna Nambiar, Sylvester Mardi, Hema Bharathi Palani, Parth Bharadwaj, Anindita Ghosh, Snigdha Prabhakar
dramaturg Andrés Morte Terés
musica dal vivo e sound design Martin Lutz
digital design Luca Brinchi
collaborazioni musicali K.R.V Pulkeshi, Balasubramanya Sharma, P. Janardhana
disegno luci Shymon Chelad / Andrea Narese
supporto tecnico Niranjan Gokhale, TransMedia Technologies
costumi Aloka Gloria D’souza
rehearsal direction Hemabharathy Palani

coproduzione Attakkalari Centre for Movement Arts Bangalore, TNQ, Fondazione Fabbrica Europa
in collaborazione con CSRT Teatro della Toscana / Teatro Era, Pontedera
con il sostegno di Ministero della Cultura (Governo dell’India), Goethe Institut/Max Mueller Bhavan Bangalore, Norwegian Ministry of Foreign Affairs Norwegian Embassy (New Delhi), ICCR,
con il patrocinio dell’Ambasciata dell’India a Roma


Bhinna Vinyasa, coprodotto da  Attakkalari Centre for Movement Arts di Bangalore, TNQ e Fabbrica Europa è una creazione del coreografo indiano Jayachandran Palazhy per gli straordinari danzatori dell’Attakkalari Repertory Company.
Mappando frammenti di sogni, desideri, speranze, realtà difficili, mutazioni ambientali, migrazioni, Bhinna Vinyasa conduce lo spettatore attraverso un'esperienza intensa. Facendo riferimento agli antichi concetti dell'âtman (anima individuale) e del paramâtman (anima universale) e ai rapporti che germinano in un "futuro post-umanistico, in cui il mondo si è arricchito di una molteplicità di agenti non umani", lo spettacolo esplora l'idea del sé attraverso un continuo divenire e dissolversi in cui le coordinate di spazio e tempo si mostrano duttili.

Bhinna Vinyasa può essere descritto come un 'regno di configurazioni mutevoli'. Esplora viaggi metafisici indotti da forze interne ed esterne che conducono a cambiamenti profondi nella vita dei singoli e delle comunità. Immagini dall'arte e dalla letteratura si fondono con ricordi di esperienze vissute in cui gli archetipi, il quotidiano e l'immaginario si amalgamano in un'esperienza immersiva.

Mixando paesaggi elettroacustici, che sono la sua firma sonora, a elementi di musica carnatica dell'India meridionale, il compositore tedesco Martin Lutz ha creato una partitura sonora stratificata, provocatoria e al tempo stesso affascinante. Il dramaturg Andrés Morte ha lavorato sul piano narrativo in rapporto al linguaggio performativo e sui  riferimenti interculturali per rendere questa creazione comprensibile anche a un pubblico non indiano. Il media artist Luca Brinchi e il light designer Shymon Chelad hanno creato un paesaggio di immagini evocative, suggestive e in continua metamorfosi.

Gli elementi sonori e quelli visivi esplorano una sorta di immobilità che evoca un silenzio e una chiarezza potenti. Gli artisti rompono definitivamente ogni barriera di forma e genere, per una performance di grande bellezza. [Deccan Herald]

Jayachandran Palazhy, fondatore e direttore artistico dell'Attakkalari Centre for Movement Arts di Bangalore, è conosciuto internazionalmente come danzatore e coreografo. Formatosi in India in Bharatanatyam, Khatakali, danze folk indiane e arti marziali di Kalaripayattu, si è poi trasferito a Londra dove ha studiato Tai Chi, Capoeira e danza africana alla London Contemporary Dance School. In India, con i critici Joshua Muyiwa e Deepika Arwind e il designer Arjun Shankar ha contribuito al lancio della rivista online di danza 'Ligament', creando uno spazio di riflessione sulla danza contemporanea nel Sud dell'Asia. Ha curato un progetto di ricerca e documentazione sui principi del movimento nella tradizione performativa indiana. È direttore artistico dell'Attakkalari India Biennial di Bangalore e insegna arti del movimento all'Indian Institute of Technology (IIT). Il suo lavoro con l'Attakkalari Centre for Movement Arts ha contribuito a far conoscere anche all'estero la realtà contemporanea indiana. Ha ottenuto importanti riconoscimenti come il premio Barclays New Stage, la Behindwoods Gold Medal for Best Choreography e il premio Uday Shankar Choreography. 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Non è presente nessun elemento


Non sono presenti date

 
PROSSIMAMENTE